martedì 29 marzo 2016

John Bellamy Foster: È il socialismo democratico il Sogno Americano?


dal Blog di Maurizio Acerbo 




Tra gli effetti del successo della campagna di Bernie Sanders c’è quello di trovare un articolo di un marxista come John Bellamy Foster, il direttore della Montly Review, sul Washington Post. Il socialismo tornerà di moda! Buona lettura!

Il reddito nazionale può essere paragonato a una torta, tutti possono avere una fetta più grande. Ma se, invece, la dimensione della torta rimane la . Se tra un anno e l’altro la torta diventa più grandestessa, una fetta più grande per alcuni può significare solo una fetta più piccola per gli altri.
Questo ci aiuta a capire il deprimente stato attuale dell’economia degli Stati Uniti e la tensione attorno alla campagna elettorale di Bernie Sanders che è incentrata sui bisogni dei lavoratori e delle famiglie che lavorano.
Per decenni, la crescita economica degli Stati Uniti è rimasto ferma, con ogni decennio successivo fare esperienza di un più basso tasso di crescita. In queste circostanze, il rapido aumento del reddito di quelli in alto – o di quella che Sanders ama chiamare la “classe miliardaria” – è a scapito delle quote di reddito (fette di torta) di quelli in basso.
I 400 miliardari più ricchi del paese ora hanno più ricchezza che la metà inferiore dei percettori di reddito, che rappresenta circa 150 milioni di persone. La quota dei salari sul reddito nazionale è in calo, mentre i redditi da capitale sono andati aumentando. I lavori sono più precari.
Un gran numero di persone hanno abbandonato la forza lavoro. Sebbene la disoccupazione ufficiale sia diminuita negli ultimi anni, dei buoni posti di lavoro che pagano salari vivibili rimangono estremamente difficili da trovare. Sempre più persone stanno cadendo nella povertà. La maggioranza degli studenti nelle scuole pubbliche sono ora classificati come poveri o quasi poveri.
L’establishment politico, costituito dal duopolio dei partiti democratico e repubblicano, è stato in larga parte noncurante del deteriorarsi delle condizioni della maggioranza delle persone. Dal momento che i poveri, inclusi i lavoratori poveri, sono molto meno propensi al voto e hanno poco peso finanziario, sono facilmente sottovalutati. Il denaro domina la politica degli Stati Uniti ad ogni livello. La decisione della Corte Suprema Citizens United nel 2010 che ha aperto le porte alle grandi donazioni illimitate da parte delle ricche aziende ha enormemente appannato l’immagine della democrazia americana. E’ ormai sentire comune che gli Stati Uniti sono, per citare la frase memorabile degli economisti Paul Baran e Paul Sweezy nel 1966, “democratici nella forma e plutocratici nel contenuto”.
È l’aggravamento di questa condizione del corpo politico americano che spiega lo straordinario fenomeno della campagna di Bernie Sanders per la presidenza. Sanders si ritrae come un socialista democratico dello stampo della fase più radicale dell’amministrazione Franklin D. Roosevelt che proponeva un Bill of Rights Economico per garantire piena occupazione e sicurezza economica per tutti gli americani.
Nel sostenere il socialismo democratico, Sanders ha promosso una politica pragmatica della sinistra. Le sue proposte comprendono un forte aumento delle imposte sulla classe miliardaria, studi universitari gratuiti e assicurazione sanitaria per singolo contribuente, che garantisce l’assicurazione sanitaria a tutta la popolazione, indipendentemente da posti di lavoro e dal reddito. Egli sostiene programmi di occupazione nella tradizione del New Deal. Tutte queste proposte rappresentano cose che sono state realizzate in altri paesi, in particolare dalle socialdemocrazie scandinave, dove le popolazioni stanno meglio secondo ogni indicatore sociale.
Con il raffigurarle come possibili qui, Sanders ha portato l’idea del socialismo – anche se di un genere moderato – dai margini verso il centro della cultura politica degli Stati Uniti.
La cosa più notevole circa il fenomeno Sanders è che, nonostante l’ostilità implacabile da parte dei guardiani dello status quo nei media – per esempio, Adam Johnson su FAIR.org ha documentato che il Washington Post ha pubblicato 16 storie negative su Bernie Sanders in 16 ore l’8 marzo – egli ha continuato ad attirare folle record. Ha anche ottenuto più voti di quelli sotto i 30 anni che Clinton e Trump messi insieme, puntando a un indebolimento del potere dei media delle corporations sull’informazione politica nella società degli Stati Uniti e sulla crescente influenza dei social media, almeno tra i giovani. Come ha riferito David Auerbach di Slate, “Il social networking online ha permesso ai sostenitori Sanders di rafforzare l’un l’altro le convinzioni, in modo che il generale shutout di Sanders dai media mainstream – e anche una buona dose di media di sinistra – ha permesso a Sanders di sopravvivere laddove sarebbe soffocato anche nel 2008″.
Se c’è una lezione più grande qui è la capacità di ripresa e la diffusa attrazione del socialismo con i suoi valori egualitari di base. Il socialismo ha sempre fatto parte della cultura americana. Senza dubbio turberebbe il partito repubblicano di oggi apprendere che uno degli scrittori politici preferiti di Lincoln era Karl Marx, articolista europeo per il giornale di Horace Greeley, la New York Tribune.
Nella visione di Sanders del socialismo democratico, una società priva della basilare uguaglianza e equità per ogni individuo non può essere considerata una società democratica, in ogni senso significativo. Una democrazia reale, viva conduce in direzione del socialismo. Per milioni di americani oggi, ciò che Sanders sta esprimendo nella sua idea di socialismo democratico non è altro che il sogno americano.



Reazioni:

0 commenti:

Posta un commento