lunedì 22 dicembre 2014

Gino Strada for President. Un leader per una sinistra disastrata e dispersibile

 

Gino Strada è uno che mette d'accordo tutti. Perlomeno tutti coloro che conservano un briciolo di coscienza morale e non sono affetti da quella malattia tardiva che è il disincanto. Ovvio che uno come Gino attingerebbe maggiormente da quel bacino che tiene in ammollo milioni di persone di sinistra senza patria e senza più molta voglia di sgolarsi per una causa, ma riuscirebbe anche a fondere questa sinistra diffusa con il mondo dell'associazionismo e del volontariato, cioè in generale con persone per bene. Inoltre il chirurgo di Emergency ha un piglio deciso e tutti i segni corporei di uno che dice pane al pane e non ti frega. Gino Strada ha l'autorevolezza dell'uomo del fare e allo stesso un retroterra che lo pone affianco agli ultimi senza riserve, uno che scuote gli animi e ti invoglia a recuperare un senso delle cose, offuscato dalla paura e dall'indifferenza e annacquato da un nichilismo di maniera.
Insomma Gino ha un carisma che lo rende il miglior candidato una una sinistra disastrata che voglia uscire dal suo recinto e reclamare il governo della nazione, senza evocare gli spettri di un nuovo leaderismo autoritario travestito da buone intenzioni. Si dirà che cose del genere non funzionano e che finiscono per bruciare anche i migliori, come è successo al buon Ingroia, e che Gino Strada è la solita operazione di marketing che serve a supplire le carenze della politica. I più affezionati all'utopia della democrazia partecipativa, come nuova frontiera di una politica davvero democratica diranno che la soluzione non è il leader, ma un processo costitutivo dal basso ecc. Innanzitutto questa non sarebbe un'operazione di pura sommazione di frammenti dispersi della sinistra, che serve solo a dare ossigeno a qualche partitino agonizzante, ma sarebbe una chiamata alle armi di tutti gli arruolabili ad una causa che va al di la del cortiletto di casa di una sinistra litigiosa e dispersibile, con lo scopo di superare l'idea stessa di sinistra e far entrare energie nuove nella politica. Inoltre in questo caso non si tratterebbe di mera sopravvivenza, ma di un progetto ambizioso di governo dell'Italia e dell'Europa. Che Strada non sia un politico di professione è un bene, considerando che il servizio alla comunità si fa assai meglio con l'esperienza e con il buon governo che non con l'appartenenza ad un sistema losco e corrotto. In quanto al leader ormai anche i bambini hanno imparato che in una società dove i messaggi sono così fortemente veicolati da simboli e rappresentazioni ideali, il leader può e deve per forza di cosa assolvere al compito di dare l'avvio ad un processo che successivamente camminerà con le sue gambe. Il punto è riuscire a seguire una rotta.
Insomma non ci sarebbe alcuna controindicazione a proporre Gino Strada come alfiere degli scontenti e potenziale capo di un governo di salvezza nazionale. La sconcezza di un'era di venditori di pentole a cui è stato affidato il governo di un'intera nazione, giustificherebbe una soluzione del genere e chiunque dovrebbe sentire il dovere morale di sacrificare se stesso per il bene comune.
C'è un solo un piccolo problema: non credo proprio che Gino Strada accetterebbe.
Reazioni:

5 commenti:

  1. Partirei dal basso...non credo proprio che Gino Strada accetterebbe. Pensandoci bene credo che sia un dovere deontologico del dot. Gino Strada accettare di curare un malato affetto da gravi patologie, molte delle quali infettive e mortali. Questa è l'Italia, una malata gravissima che ha bisogno di essere curata da un chirurgo capace di estirpare il male con l'accetta. Sono comunque daccordo con il post, non possiamo pensare all'avvento di salvatori della patria o ad artigiani fabbricanti di miracoli. La cura sarà lunga e difficile e senza la giusta terapia, che solo un buon medico può diagnosticare, saremo condannati ad una eterna vecchiaia.

    RispondiElimina
  2. Ma che pazzia è mai questa???
    Gino Strada for President? Farebbe ridere, o piangere, anche i sassi!
    Lasciamolo fare il medico in Emergency, non è più italiano ma antiitaliano.
    Che Sinistra del ...che abbiamo, non finisce mai di offendere e di ostentare una cultura già persa decenni fa...
    Leggere anche Paolo Barnard...

    RispondiElimina
  3. Le idee più improbabili spesso sono le migliori. I processi politici sono determinati dai fattori più impensabili. Comunque era più che altro una provocazione

    RispondiElimina
  4. Di personaggi degni di cavalcare il quirinale ce ne sono e tante, ma lassù non ci andranno mai perchè "INADEGUATE".
    Se pensate che a decidere la politica, anche nazionale, sia il popolo con le solite più o meno democratiche votazioni, avete una visione molto riduttiva: da miopi. Ormai da più decenni la politica la decidono i poteri forti: ovvero la finanza, i capitali manovrati da personaggi solitamente occulti ma che possono scegliere quale deve essere la persona da elevare al potere, la quale deve convenire ai loro bisogni espressamente in ritorni economici.
    In breve: costoro se ritengono remunerativo il sostegno ti riempiono di soldi e fanno ripartire l' economia; se vogliono al contrario ti fanno "MORIRE DI FAME".
    La glibalizzazione vuol dire anche questo, ma certamente è la negazione della "DEMOCRAZIA".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ........avete una visione molto riduttiva: da miopi. La tua (visione) è da astigmatico passami il paragone oftalmologico, Cioè un difetto di messa a fuoco del problema. Ciò che sostieni è ovvio anche il più sprovveduto ed ingenuo sa chi comanda in questo mondaccio ma continuare a sostenere che non possiamo incidere in nessun modo è nichilismo. Io penso invece che sia importante continuare a crederci, utopia.....? Molte conquiste considerate utopie sono diventate realtà. Infine quello che ci spinge non è solo la certezza di raggiungere o no risultati, qualunque essi siano, ma la consapevolezza, del tutto egoistica, di soddifare la nostra coscienza. In poche parolo così siamo..... e qualcosa dovremo pur fare per continuare ad esserlo.

      Elimina