Elenco blog personale

mercoledì 29 febbraio 2012

Syria: Clinton Admits US On Same Side As Al Qaeda To Destabilise Assad Government


Michel Chossudovsky and Finian Cunningham da globalresearch
US Secretary of State Hillary Clinton has acknowledged that Al Qaeda and other organizations on the US “terror list” are supporting the Syrian opposition.

Clinton said: “We have a very dangerous set of actors in the region, al-Qaida [sic], Hamas, and those who are on our terrorist list, to be sure, supporting – claiming to support the opposition [in Syria].” [1] (Click here to watch video)

Yet at the same time, in the above BBC interview the US Secretary of State repeats the threadbare Western claim that the situation in Syria is one of a defenceless population coming under “relentless attack” from Syrian government forces.

There is ample evidence that teams of snipers who have been killing civilians over the past year in Syria belong to the terrorist formations to which Clinton is referring to.

As Michel Chossudovsky points out in a recent article: “Since the middle of March 2011, Islamist armed groups – covertly supported by Western and Israeli intelligence – have conducted terrorist attacks directed against government buildings, including acts of arson. Amply documented, trained gunmen and snipers, including mercenaries, have targeted the police, armed forces as well as innocent civilians. There is ample evidence, as outlined in the Arab League Observer Mission report, that these armed groups of mercenaries are responsible for killing civilians. 

While the Syrian government and military bear a heavy burden of responsibility, it is important to underscore the fact that these terrorist acts – including the indiscriminate killing of men, women and children – are part of a US-NATO-Israeli initiative, which consists is supporting, training and financing  ‘an armed entity’ operating inside Syria.” [2]

The admission at the weekend by Hillary Clinton corroborates the finding that armed groups are attacking civilians and these groups are terroristic, according to US own definitions, and that the situation in Syria is not one of unilateral state violence against its population but rather is one of a shadowy armed insurrection.

Clinton’s admission retrospectively justifies the stance taken by Russia and China, both of which vetoed the proposed UN Security Council Resolution on 4 February, precisely because that proposal was predicated on a spurious notion that the violence in Syria was solely the responsibility of the Al Assad government.

Clinton also acknowledges in the BBC interview that there is “a very strong opposition to foreign intervention from inside Syria, from outside Syria” – which tacitly concedes the fact that the Syrian population is aware that the so-called oppositionists within their country are Al Qaeda-affiliated mercenaries. 
 
Meanwhile, the US Gulf allies, Saudi Arabia and Qatar, have separately issued statements that they are willing to send arms to Syria to support the insurrection against the Damascus government. Given the still substantial popular support for the government of Bashir Al Assad, such a declaration by Saudi Arabia and Qatar towards a fellow Arab League member state signifies an unprecedented interference in the internal affairs of a sovereign state. Indeed, legal opinion could argue that it constitutes a self-indicting act of international aggression.

Besides, such a declaration by Saudi Arabia and Qatar of being willing to arm Syrian insurrectionists, can be seen as a cynical cover for what is already taking place. It is known that the Gulf monarchical states are already supplying weapons illicitly to the self-styled Syrian Free Army, along with Turkey and Israel.

So far, the US is officially maintaining the fiction that it is not involved in supplying arms to Syria even though Washington has demanded “regime change” and in spite of evidence that Western covert forces, including American, British and French operatives, are actively engaged with the opposition groups.

It is richly ironic that the unelected fundamentalist Sunni regimes of the Persian Gulf are supporting Al Qaeda affiliated groups within Syria purportedly to “bring about democratic reforms”. This is the same dynamic that prevailed in Libya where the overthrow of that country’s government by Western and Gulf Arab powers has now led to a collapse in human rights and social conditions.

Once again, Syria is indicating the same alignment of allies: Washington, London and other NATO powers comfortably in bed with Sunni/Salafist tyrants and terrorists, claiming to be supporting democratic freedom and human rights.

Of course, the real agenda has nothing to do with either democratic freedoms or human rights – as the awry alignment of allies clearly indicates. Rather, this is about Washington and its proxy powers trying to engineer regime change throughout the Arab World and beyond to conform to geopolitical objectives, principally the control of raw energy. Iraq, Afghanistan, Libya and now Syria are but a sequence of stops on a global roadmap of permanent war that also swings through Iran. Russia and China are the terminal targets.

Washington is evidently prepared to use any means necessary to assert this agenda: illegal wars, death on a massive scale, possibly triggering global war and the use of nuclear weapons. But surely the most preposterous mask is the “war on terror”, when it is seen – from the words of US Secretary of State Hillary Clinton – that Washington is now openly collaborating with the supposed “terrorist enemy” to bring about regime change in desired countries.

If somehow the weasel words from Washington could be taken at face value, then if it were serious about wanting regime change to facilitate democracy, human rights and world peace, the first regime that pre-eminently qualifies for such change is Washington itself.

Notes

[1] Transcript of Clinton interview on BBC, 26 February, 2012:


 Global Research Articles by Michel Chossudovsky

 Global Research Articles by Finian Cunningham

La parabola del santo carabiniere. Dal vangelo secondo La Russa

Sconvolgente, non si può definire diversamente la propaganda giocata sul filo dell'allegoria sacra: il carabiniere pecorella e il NO-TAV lupo cattivo. Hanno colto al volo l'occasione per disperdere quel poco di memoria che riusciamo ancora a tenere viva, delle infinite violenze del potere contro chi dissente: l'icona del carabiniere è l'immagine perfetta del lavacro mediatico del potere che si emenda di ogni colpa, mero riflesso dell'astuzia del maligno, e rivela il nuovo vangelo, quello che vede carabinieri e potenti della terra incamminarsi verso un cammino di speranza fra folle di penitenti. Hanno scomodato persino Pasolini. Un uomo contro un altro uomo, immagine astratte al di fuori del tempo e dello spazio, che rappresentano l'eterna contesa fra il bene e il male. I fatti non c'entrano, la macelleria messicana della Diaz fa parte della narrazione epica del male, le botte alla stazione non sono aggressioni quelle, sono l'epifania del bene contro il male, l'immagine sacra degli angeli in divisa che schiacciano i diavoli riottosi e malvagi. Il bene bipartisan vince, il male è sconfitto. La Russa è il bene, e per proprietà transitiva è bene tutto ciò che egli rappresenta, compreso il padrone Berlusconi, lo stalliere Mangano e il mafioso dell'Utri. È bene il TAV, è bene fregarsene dei fatti che dimostrano l'inutilità di un'opera scellerata, è bene il profitto delle coop rosse. È bene anche la precarietà del lavoro, il licenziamento, la distruzione dell'ambiente, è male la protesta. Si è visto in modo inequivocabile nella strafottenza del NO-TAV, maligno e luciferino anche nelle sembianze. Oltre ogni dubbio mondano è bene Monti.
Tutto si ammanta dell'eroismo del carabiniere e si illumina di incenso, quello che resta è cenere.

martedì 28 febbraio 2012

Gli avvenimeti siriani secondo Fulvio Grimaldi



Siria
Il marasma provocato dalle rilevazioni degli osservatori della Lega Araba (ora clandestinizzate), che in Siria hanno trovato e denunciato la violenza di insorti locali e miliziani infiltrati e il sistematico rifiuto delle opposizioni a ogni apertura di Assad, riequilibrando così drasticamente la narrazione per cui ogni vittima siriana era da attribuire al solito “dittatore sanguinario”; la ragionevole e credibile proposta russa di mediare a Mosca tra le parti in conflitto, anch’essa istantaneamente respinta dai volenterosi insorti; l’ennesima cattura di mercenari infiltrati dal confine turco; la provata – anche da un prestigioso Istituto di sondaggi a Doha – adesione al proprio presidente da parte della stragrande maggioranza dei siriani, tutto questo ha costretto l’alleanza tra despoti democratici e despoti wahabiti ad accelerare. Con in testa lo screditatissimo cappuccio ONU, si vuol calare sulla Siria la mannaia “Fuori Assad, dentro il suo vice e subito governo di unità nazionale con dentro tutte le opposizioni”. Un governo che riscatti ratti vari: il Consiglio Nazionale Siriano che a Istanbul si alimenta di fondi Cia e delle vittime attribuite da anonimi ad Assad; i Comitati di Coordinamento che, all’interno, sparano cifre oniriche di “martiri del regime”, riportate all’esterno dall’Osservatorio Siriano dei diritti umani (sotto tutela MI6 a Londra); e la “Free Syrian Army”, la congerie di alqaidisti e briganti di ventura che anche gli ignavi del “manifesto” insistono a definire “disertori dell’esercito siriano”, onde nobilitarne in azioni militari gli orrori terroristici. Divisione del lavoro, gioco delle parti.


Se gli uni, per farsi agevolare dagli spiriti animali della sottoumanità in SUV e droni, invocano l’intervento militare della “comunità internazionale”, gli altri, per convincere e arruolare i perplessi del pacifintismo, promettono di non cercare tale intervento e così, a loro volta, contano di arrivare a una Siria regressiva, denazionalizzata, desocializzata, teocratica, a forza di terrorismi chiamati “guerra civile”, ma sottobraccio ai nostrani amici del giaguaro e utili idioti. L’amore degli insorti per il loro paese ha espressioni varie: particolarmente benevola è in questi giorni la “guerra del pane e dell’acqua”, finalizzata a far esplodere una fin qui introvabile collera del popolo contro il governo. I ratti prelevano grandi quantità di pane ovunque siano in grado di imporlo, svuotano negozi e forni e, una volta distribuito il necessario alle proprie bande, ne gettano tonnellate nelle fognature. Quanto all’acqua, il governo ha dovuto staccarla a Damasco per alcune ore e fare delle analisi, di fronte alla minaccia degli islamisti di avvelenarla alle sorgenti. Minaccia credibilissima, visto che la stessa marmaglia aveva già compiuto questo crimine a Sirte, in Libia. Gli attentati terroristici contro civili, restano l’arma preferita, come in tutte le “rivoluzioni” fomentate dall’Occidente utilizzando il presunto nemico ed effettivo ascaro “Al Qaida”. Obiettivi sono, come in Iraq, luoghi affollati di gente, e poi soldati, strutture militari, statali, giudiziarie, oleodotti, ferrovie, sequestri di persona, assassinii mirati (a Homs cinque scienziati uccisi e quattro ingegneri iraniani, da anni impegnati nella centrale elettrica, rapiti e fatti passare per pasdaran infiltrati, col chiaro scopo di implicare Tehran e depistare dalle provate interferenze Nato, turche e del Golfo, con i loro campi di raccolta e addestramento di mercenari in Turchia e Giordania).


A tutto questo la Siria decente e libera risponde con le ininterrotte manifestazioni di massa pro-Assad in tutte le città., con il necessario intervento di difesa del paese e, pochi giorni fa, con la suggestiva commemorazione delle vittime del terrorismo celebrata in significativa unità dal Gran Mufti siriano (gli islamisti gli hanno ammazzato un figlio per non essersi il padre schierato con Al Qaida), dal Metropolitano della Chiesa Ortodossa, e dal Priore del monastero cattolico. Tra i fedeli delle varie confessioni, come tra tutti i laici del paese, soprattutto tra le donne (ma di queste nessuna femminista occidentale si cura) è ben presente cosa capiterebbe a questa società aperta, solidale, unita, libera, se dovessero prevalere gli sgherri bigotti che l’Occidente ha spedito a distruggere la Libia. A maggio, con la nuova legge sul pluripartitismo e sulla libertà dei media, con i nuovi mezzi d’informazione sorti negli ultimi mesi, si terranno, sotto osservazione internazionale neutrale, le elezioni parlamentari. Lo strepitìo con cui all’ONU e nella Lega Araba dei tagliamano e lapidatori si invoca la dipartita di Assad e un governo di unità nazionale, che includa le opposizioni con peso determinante, ha proprio lo scopo di impedire quelle elezioni, sicuro appannaggio del Baath e dei sette partiti opposti alla destabilizzazione, e rimandarle al momento in cui potranno essere manipolate alla maniera afghana, irachena, e perfino statunitense.


Al Consiglio di Sicurezza, dove il gaglioffo capo del Consiglio Nazionale Siriano è giunto in compagnia dell’uomo del Qatar (!), in queste ore si assediano i governi perché acconsentano allo sfracello. Si usa la sacrosanta offensiva del governo contro i terroristi, che erano arrivati ad imperversare nei sobborghi della capitale, con le sue inevitabili vittime, come la pistola fumante che dovrebbe sollecitare bombardamenti e invasione e assicurare il consenso di un’opinione pubblica rimasta senza difese nello tsunami delle menzogne mediatiche. Si parla dell’opinione pubblica occidentale, dato che, checché ne dica lo slavofobo Astrit Dakli del “manifesto”, impegnato da mane a sera a sbertucciare la Russia che resiste – “L’opinione pubblica mondiale non ha una gran simpatia per il regime siriano” – i miliardi che vivono tra noi e il Polo Sud non hanno una gran simpatia per chi quel regime, e il resto del mondo, attacca. Speriamo che Russia e Cina tengano duro col loro rifiuto.


Ripresi i sobborghi di Damasco


Visto che gli insorti che ammazzano a destra e manca chi non sogna una Siria qatarizzata, è d’uopo che se ne occultino gli aspetti che escono dal quadretto dei “rivoluzionari”, “martirii” e “disertori”, proiettato dalle spie del londinese Osservatorio Siriano. Così non si deve assolutamente tappare al mondo le orecchie mentre sulla Siria risuona l’incitamento lanciato da Omar Bakri, famoso predicatore siro-anglo-libanese, che, galvanizzato dalle imprese dei suoi in Libia, trovandosi “a rota” di sangue, incita i Fratelli Musulmani ad attentati suicidi contro Assad e contro il parlamento siriano “quando è pieno di baathisti”. Va nel particolare, Omar Bakri, suggerendo “bombe pizza da consegnare ancora calde”. Con particolare attenzione ai cristiani. Sapete qual’ è l’urgenza degli esportatori di democrazia alla saudita? Quella di evitare a ogni costo le elezioni che il governo siriano ha programmato entro due mesi. Anatema! Ne uscirebbe, lo sanno tutti, un verdetto democratico: maggioranza assoluta per il Baath e i partiti alleati e non venduti. Come da quel sondaggio di Doha che ha confermato le peggiori apprensioni di monarchi e atlantosionisti fascistizzanti. E affermazione anche di un’opposizione corretta, pronta a mettere alla prova le proposte di riforma avanzate dal governo fin dall’inizio della crisi. Quel Bakri è stato arrestato a Londra e poi a Beirut, dove fu condannato per istigazione all’omicidio, rapina, terrorismo. In entrambi i casi è stato messo fuori dopo pochi giorni. Non per nulla si è dichiarato di Al Qaida. I propri agenti i servizi occidentali non li abbandonano.


Mashaal, ministro esteri Qatar, re Abdallah, ad Amman


E neanche Israele abbandona il campo dei suoi amici. Non c’è solo la recente visita del feldmaresciallo arabo e satrapo qatariota Hamid bin Khalifa Al Thani in Israele. C’è anche la discreta ma stretta collaborazione di contractors paramilitari israeliani con Abu Dhabi, sotto l’etichetta della “sicurezza dei giacimenti petroliferi e delle frontiere”, nonché la condivisione tra emirati e nazisionisti di satelliti di comunicazione, utilissimi per guidare sul bersaglio proiettili e truppe. Turba non poco, su tale sfondo, la visita di Khaled Mashaal, capo di Hamas, insieme al ministro degli esteri qatariota (ovviamente fratello del re), al re travicello giordano Abdullah, altro manutengolo di Nato e Israele. Venendo nella scia delle voci di un trasferimento della direzione di Hamas da Damasco ad Amman e anche delle sciagurate prese di posizione di organizzazioni palestinesi contro Gheddafi e Assad, corredate dal plauso idiota dei filopalestinesi nostrani, il cattivo odore di opportunismo non è facilmente dissipato. Che fine ha fatto la “rivoluzione palestinese”, quella dei Fedayin, di George Habbas, Najef Hawatmeh e anche del primo Arafat? Sepolta sotto i 30 denari degli emiri?


Appello e contrappello
Ricordate l’ineccepibile appello contro le minacce di guerra e gli embarghi a Siria e Iran lanciato in Germania, assunto dal Comitato dei Diritti Umani del Bundestag, che io ho tradotto e messo in rete e che poi un numero di prestigiosi compagni ha diffuso sui giornali? Ebbene non bastava, non convinceva, non tornava all’arcipelago nel soffice rosa del tramonto dei nostri buonisti cerchiobottisti. Non sia mai che ti identificano con quei “dittatori sanguinari” di Assad e Ahmadinejad! Bisognava intervenire, farsi sentire, distinguersi. E così Marinella Correggia, buona giornalista dell’immancabile “manifesto”, ha pubblicato un altro di appelli, a costo di dividere le firme in due, confondere il colto e l’inclita, annacquare. Dice questo appello: La situazione sul campo da mesi vede violenti scontri tra truppe governative e le truppe (sic) di insorti armati… in un crescendo di violenze che ha già provocato enormi perdite anche di civili, delle quali entrambe le parti recano responsabilità. Dopodichè, i firmatari fanno una pia richiesta di tregua, mediazione,  fine alle interferenze straniere, stop alle sanzioni, invio di osservatori neutrali. Benissimo. Senza peraltro menzionare che ogni proposta di Assad, rispondente alle richieste “ufficiali” delle opposizioni, è stata trattata come il moccio che sgocciola dal naso. Ma, porco Obama, la responsabilità di tutto questo di chi diavolo e?!
Le firme annoverano gli Us citizens for peace and justice, prìncipi storici dell’ambiguità perbenista, Contropiano, Rete Disarmiamoli, Lega Internazionale delle Donne per la pace e libertà, quei collusi del Ponte per, Fiom, Ecoistituto Alex Langer (buono quello, quando invocava le bombe sulla Serbia), Assopace (la “fate i buoni”- Morgantini), filo palestinesi al traino dei palestinesi che inveiscono contro Gheddafi e Assad e altri. Potete firmare questo rosario di buone intenzioni. Che con la rettifica delle infamie razziste e colonialiste rovesciate sulla Siria non hanno niente a che fare.

*************************************************************************************************************
La situazione a Damasco vista da Chehayed Rustam
venerdì 27 gennaio 2012

Dopo tutti questi mesi dall'inizio della crisi siriana ormai e' innegabile la presenza del terrorismo, della minaccia e dell'intimidazione a fini politici da parte dei gruppi d’ opposizione.
Questi episodi sono prevalentemente concentrati nelle zone periferiche della capitale, mentre all'interno della città e nelle zone centrali e' evidente un clima di tensione degli abitanti a causa dei recenti attentati come quello di Kafer Suse e del Midan. Anche oggi nella zona del Midan si e' verificata l’esplosione di una bomba artigianale con comando a distanza che ha causato la morte di un giovane di 12 anni di nome Ibrahim Mabrouk e il ferimento di altre 12 persone; lo stato d'animo della popolazione e' portato all'esasperazione da questo tipo di episodi sempre più all'ordine del giorno, realizzati dagli oppositori al governo che hanno lo scopo di mantenere alta la tensione e terrorizzare la gente.
Non si sono registrate manifestazioni di protesta oggi a Damasco come viene invece fatto credere dai soliti canali satellitari. In questo preciso momento mi trovo nel quartiere Barzee, vicino al Caboun, dove la situazione e' da diversi mesi indubbiamente tranquilla e sotto controllo, sporadicamente si verificano piccoli episodi di proteste all'uscita dalle moschee il venerdì, con piccoli gruppetti di circa 50 persone. Manifestazioni che durano sempre solo pochi minuti (giusto il tempo per fare qualche ripresa sotto commissione e inviarla alle emittenti satellitari del Golfo che ormai da tempo provvedono ad ingigantire e diffondere una realtà falsificata degli avvenimenti).
Si registrano, inoltre, episodi di intimidazione, con tentativi di attacco a edifici pubblici e abitazioni private dei rappresentanti dell'amministrazione pubblica, ormai sempre più nel mirino dei gruppi di terroristi armati.
Come misure precauzionali il governo ha istituito posti di blocco all'entrata e all'uscita della città e raddoppiato il personale di guardia, fortificando con sacchi di sabbia e barriere le strade circostanti degli edifici pubblici considerati più sensibili agli attentati – in particolare a possibili autobombe.
L'energia elettrica viene staccata 3 ore al giorno: circa 2 ore al pomeriggio e 1 ora la sera, con varianti a seconda del quartiere. Questa mancanza di elettricità comprende anche le sedi ministeriali e il palazzo presidenziale, che comunque usano generatori a gasolio in alternativa, ed e' la conseguenza degli attentati che hanno interessato centrali elettriche, oleodotti e gasdotti nel paese , oltre all'effetto delle sanzioni economiche imposte dai paesi occidentali che vogliono mettere in ginocchio il paese e che impoveriscono palesemente la popolazione, uccidendone l’economia.
Nonostante questa situazione e il malcontento generale, la popolazione continua a scendere in piazza numerosissima per mostrare il suo sostegno al presidente siriano e ai suoi piani di riforma.
Nelle zone periferiche, invece, l'energia elettrica viene staccata per 3 ore al pomeriggio e 3 ore la sera indifferentemente se la zona sia prevalentemente abitata da oppositori o sostenitori del governo.
Le zone periferiche sono quelle nelle quali si concentrano le bande armate di oppositori, quelle che alcuni chiamano esercito libero composto da disertori, ma che a tutti gli effetti comprende prevalentemente ex criminali, delinquenti comuni, trafficanti di droga, elementi poco istruiti o fanatici religiosi.
Questi gruppi, che sono finanziati dall'opposizione e dai loro alleati internamente ed esternamente, a loro volta creano fortificazioni, barriere e posti di blocco all'entrata e all'uscita della zona periferica sotto il loro controllo.
Si tratta di gruppi che non esitano a derubare o uccidere i civili che non sono schierati dalla loro parte, che non chiudono i loro negozi in segno di protesta o che continuano a mandare i loro figli a scuola;
oltre a commettere i più svariati reati (come, ad esempio, rapimenti, sequestri di persona) per avere denaro, auto e mezzi per quella che loro definiscono ipocriticamente una “rivoluzione per la libertà e la democrazia”.
Nelle manifestazioni di protesta contro il governo questi gruppi armati sono mescolati ai manifestanti, e, tra i loro slogan in questi giorni, mi hanno colpito particolarmente quelli che definiscono la nuova costituzione in programma una “presa in giro”, dal momento che la loro nuova costituzione deve essere unicamente il Corano.
Simili manifestazioni in genere vengono tollerate finché rimangono all'interno delle zone periferiche. Recentemente, nella zona di Zamalka, un corteo di protesta si è diretto verso la strada principale che la collega a Damasco; una volta arrivati al posto di blocco dell'esercito regolare all'ingresso della capitale è stato imposto l'ALT. A quel punto i manifestanti hanno reagito colpendo con pietre i soldati, i quali, per disperdere il gruppo, hanno dovuto sparare alcuni colpi in aria. Una volta che il corteo di protesta ha indietreggiato, sono comparsi i gruppi armati che non hanno esitato a sparare e colpire a morte sei giovani soldati dell'esercito regolare e solo dopo l'arrivo dei rinforzi, cui è seguita una lunga sparatoria, sono fuggiti verso la periferia.
Questa tolleranza da parte delle forze di sicurezza non è condivisa da buona parte della popolazione, che si trova così a soffrire maggiormente a causa della presenza di questi gruppi criminali di opposizione e che desidererebbe un intervento più duro da parte dei militari in grado di eliminare definitivamente la presenza di queste bande armate criminali.
Alla luce di questa situazione, anche molti degli indecisi, in un primo momento non schierati né con il governo né con gli oppositori, si stanno sempre più orientando dalla parte dei sostenitori del governo e delle riforme promesse, dal momento che, con il passare del tempo, risulta sempre più evidente che l'obbiettivo degli oppositori non sono libertà e democrazia, ma caos, fanatismo religioso e divisioni settarie. Sempre con maggior evidenza, infatti, stanno emergendo le continue falsificazioni e fabbricazioni ad hoc degli eventi, più volte smascherate, e i continui crimini commessi da questi gruppi, come l'uccisione di innocenti dopo aver estorto loro false dichiarazioni volte ad incolpare e mettere in cattiva luce le forze di sicurezza e il governo, debitamente filmate e poi trasmesse dalle solite tv satellitari menzognere del Golfo, complici, nonché, probabilmente, mandanti di questi crimini.

lunedì 27 febbraio 2012

L’argentinizzazione e il rischio default. In 2000 a “lezione” di economia (video)


da ilfattoquotidiano
 
L'evento organizzato dal giornalista Paolo Barnard insieme a economisti da tutto il mondo. E il quadro che ne è uscito non tranquillizza nessuno: "Il fallimento dell'Italia non è un rischio, ma una certezza"

Erano oltre duemila da tutta Italia a seguire il summit di tre giorni sulla crisi economica e su un modo alternativo per uscirne, in cui cinque studiosi di fama mondiale hanno catturato l’attenzione del palasport di Rimini, pieno zeppo come per un concerto rock. E proprio come un concerto c’era un biglietto, 40 euro per tre giorni (vitto e alloggio esclusi) e un servizio d’ordine. Erano per lo più ragazzi. Del resto, se temi come lo spread e la recessione occupano le aperture di tutti i telegiornali, difficile stupirsi per una partecipazione così massiccia, in cui questi economisti controcorrente hanno ricevuto ovazioni da star.


Alla base dell’evento organizzato dal giornalista Paolo Barnard, anche grazie a un tam tam in rete, c’è la Modern money theory , la corrente di pensiero economica che oggi ha portato in Romagna i suoi più importanti esponenti. Obiettivo degli attacchi di questi studiosi il “colpo di stato finanziario” che si sta consumando nella politica europea.




La crisi italiana è naturalmente al centro di tutte le relazioni dal parco del palasport riminese. “Abbiamo affidato alle persone che hanno causato questa crisi non solo le leve economiche del paese, ma ora addirittura quelle politiche. È una follia, anzi, dire che è totalmente folle è ancora inadeguato”, ha spiegato William Black, uno degli oratori del summit, a proposito del governo Monti. Poi il bersaglio diventa la Bce e il suo nuovo presidente. “Mario Draghi ha detto in una recente intervista al Wall Street Journal che i governi hanno bisogno della disciplina dei finanziatori privati, cioè le banche. La stessa teoria che ha prodotto la crisi più grave degli ultimi 75 anni”. William Black, spiega una sua biografia, è un regolamentatore bancario statunitense che negli anni Ottanta ha spedito in carcere decine di banchieri coinvolti in truffe ai cittadini. Inoltre è stato una delle principali figure oggetto dell’attenzione del regista Michael Moore.


Il leit motiv di questa tre giorni riminese, che si concluderà oggi, è il rischio della ‘argentinizzazione’ dell’Italia: “Quello che è successo in Argentina deve essere per tutti noi una lezione: accettare di legarsi a una valuta estera o una valuta sovranazionale – ha spiegato l’economista francese Alain Parguez riferendosi all’euro – è la strada per il crollo dell’economia e l’asservimento totale di un paese”.


Sulla stessa linea di pensiero, naturalmente, è l’organizzatore dell’evento. “In Italia non c’è il rischio, ma la certezza dell’argentinizzazione. Il rischio default c’era e c’è, e i tamponi messi finora non funzioneranno”.


L’evento riminese, che oltre a Parguez e a Black vede la partecipazione di altri tre economisti, Stephanie Kelton, Marshall Auerback e Michael Hudson terminerà con altre  lezioni dei cinque relatori.


'Esto no es crisis, se llama capitalismo' rumba catalana

La violenza della non violenza 2

Tutti si definiscono liberali, dai cattolici di Casini a quelli del Pd e del Pdl, un partito che a nominarlo avverti subito un vuoto di senso, aldilà dell'unico senso percepibile che è quello degli interessi privati di persone e ceti. Tuttavia quando si tratta di coerenza con i dettami del liberalismo, tutti mettono davanti la retorica per coprire la loro ignoranza e la volontà di reprimere ogni forma di dissenso vero. Come già ripetuto infinite volte ( ho già detto più o meno tutto quello che avevo da dire, ma visto che realtà non cambia, non posso che ripetermi), Locke il padre del liberalismo diceva in soldoni che se l'autorità, nella persona di un Monarca o di un'assemblea costituente, non riesce a garantire la sicurezza dei cittadini, questi ultimi debbono ritenersi sciolti dal patto che li vincola all'osservanza delle regole e sono legittimati a deporre l'autorità con ogni mezzo. Mi aspetto, vista la situazione, di vedere tipi come Pannella, Bordin e la Bonino e magari anche Bondi, armi in pugno scagliarsi contro Montecitorio. 
Che sicurezza hanno avuto garantita i ragazzi malmenati a Genova nel 2001 o quelli presi a botte l'altro giorno alla stazione di Torino di ritorno da un corteo NO-TAV? Che sicurezza hanno garantita i lavoratori che perdono il posto di lavoro o si vedono dimezzato lo stipendio, grazie ad un comportamento quantomeno disinvolto delle banche, che giocano con i derivati e i fallimenti di interi stati come se giocassero a Monopoli o a una bizzarra idea dell'economia, secondo la quale è più importante sanare i conti che badare alla vita delle persone? Che sicurezza hanno garantita i giovani disoccupati?
Che sicurezza avranno le nuove generazioni che si troveranno a vivere in un ambiente devastato, saccheggiato fino all'inverosimile e reso pericoloso dalla più totale incuria del territorio?
Mi chiedo che sarebbe successo se gli operai di Pomigliano, i NO-TAV, i pastori sardi, i giovani precari, gli operai cacciati dalle fabbriche, ad un certo punto avessero detto: bene signori qui la nostra sicurezza è in pericolo, voi nemmeno ci date ascolto, perché vi preme unicamente di tutelare gli interessi dei vostri amici, a questo punto basta non violenza, vi prendiamo a calci in culo e vi mandiamo a casa, costi quello che costi. Come dite? Dobbiamo isolare i violenti? Certo che li isoleremo, infatti vi metteremo tutti in galera perché  i violenti siete voi.
Provo disgusto nell'assistere alla propaganda di regime orchestrata ad hoc da servi e velinari di certa stampa, che non sono mai soddisfatti del belato dei poveri, perché secondo loro dovrebbero belare sempre più forte, per dimostrare che non sono violenti. 
Non so quello che accadrà, non vedo all'orizzonte rivolte violente, né considerò la fattibilità di una tale opzione, poiché in un certo senso è cambiata anche la mistica dell'esistenza, la maggioranza sente che non vale più la pena rischiare per gli ideali anche quando non si hanno da perdere che le proprie catene, si è rotto quel filo rosso che legava una visione della storia e del futuro all'idea di una missione di rinnovamento da parte di una classe sociale e delle sue avanguardie. La coesione sociale è a pezzi come pure la fiducia nel futuro, in situazioni del genere prevale il si salvi chi può. Certamente ci saranno dei focolai di rivolta, più o meno organizzati, più o meni caotici e produrranno ferite profonde. Uno dei leader NO- TAV, Luca Abbà oggi è rimasto vittima di un grave incidente. Sono triste per ciò che gli è accaduto, e non vorrei che succedesse ad altri quello che è successo a lui, ma quello che è accaduto è frutto delle miopia e della violenza di queste istituzioni, non è una fatalità. Questa classe politica criminale non ha nessuna credibilità né alcuna legittimazione morale per convincere quei ragazzi che devono essere pacifici anche di fronte ad una violenza del tutto incomprensibile. L'unico modo che abbiamo per far sì che le cose non precipitino è cacciare questa gente asservita solo ai propri interessi una volta per tutte e cominciare a risanare il paese.
Anche questa è retorica lo so, ma per il momento le parole e l'impegno politico sono ancora l'unico antidoto alla violenza.

domenica 26 febbraio 2012

De Magistris archivia Vasto e rilancia: “Lista civica Nazionale”

Perdonate la megalomania, ma sembra che la proposta del nostro Blog stia prendendo finalmente piede


Il sindaco di Napoli lavora per superare le crepe nel rapporto col Pd. Ma se i “democratici non superano la fase di difficoltà”, propone l’alleanza  Idv-Sel-Fds allargata ai sindaci.

- Redazione- 24 febbraio 2012- Indignati e liberali insieme, in una lista senza barriere. È questo il progetto di Luigi De Magistris, come descritto in una intervista all’Unità. “C’è voglia di una proposta politica forte, profondamente innovativa. Se riusciremo a metterla in campo, aiuteremo il centrosinistra a imboccare la strada del vero cambiamento, sia rispetto al berlusconismo che all’attuale governo tecnico”- spiega il sindaco di Napoli, che intanto archivia i precedenti accordi. “La foto di Vasto-ragiona- non è più tanto veritiera, perchè le politiche del governo Monti hanno aperto crepe tra il Pd e i suoi alleati”
LISTA CIVICA NAZIONALE.“Con Emiliano lavoro alla Lista civica nazionale, una forza di appoggio al centrosinistra. Se avremo i voti, da lì nascerà un nuovo soggetto”. E il “filo rosso, il dna di questa esperienza” sarà “il concetto di bene” perchè bisogna partire “dalla riscoperta di valori che liberismo e globalizzazione selvaggi hanno massacrato”. In ogni caso, assicura, non si tratta di personalismi, perché “tutti i sindaci che si stanno impegnando in questo progetto nel 2013 non saranno candidati in Parlamento”. Si tratta invece di “un tentativo molto serio di selezionare una nuova classe dirigente da mettere a disposizione del centrosinistra”.
ORA, ALLEANZA A SINISTRA. “Se andassimo al voto domani – è il ragionamento di De Magistris – sarebbe concepibile solo un’alleanza tra Idv, SeL e Federazione della Sinistra. E allora il Pd non può più eludere il confronto. Il mio auspicio è che il maggiore partito del centrosinistra eviti le trappole che l’attuale fase presenta. Ma non do affatto per scontato che ci riesca”. Tradotto: se Bersani e la sua parte non tengono, si aprono nuove prospettive a sinistra. E De Magistris, che a Napoli ha battuto proprio centrodestra e democratici insieme, vorrebbe recitare un ruolo da protagonista. Se “l’operazione andasse in porto e i risultati dovessero darci ragione – conclude – un minuto dopo le elezioni si porrebbe la questione di costruire un nuovo soggetto. Lo immagino leggero, un movimento di persone credibili che si candidano alla leadership del centrosinistra e al governo del Paese”.

sabato 25 febbraio 2012

Manganellatori democratici V. Un appello alle forze dell'ordine.

Giudicate voi.

Gelmini, Carfagna e Meloni festeggiano: Habemus Vitalizio!

Lo so non dovrei postare una minchiata del genere, ma l'idea di pagare questa gente a vita con le mie tasse, quando io andrò in pensione a 67 anni con la metà del loro vitalizio, richiede un piccolo sfogo

da isegretidellacasta

Mara Carfagna, Mariastella Gelmini, Giorgia Meloni, Massimo Donadi... festeggiano! E non solo loro. Hanno scoperto infatti di aver ottenuto il tanto sospirato vitalizio, la paghetta (si fa per dire paghetta..) a vita anche se non fai niente.
E soprattutto l'hanno ottenuto in maniera imprevista. Infatti dopo la riforma del 2007 per arrivare alla pensione bisogna sedere sulle poltrone di Montecitorio per due anni sei mesi e un giorno (prima bastavano 24 ore...), ma per avere il vitalizio vecchio stile (cioè più ricco, perchè antecedente al passaggio al regime contributivo) bisognava aver cumulato cinque anni prima della nuova riforma che scatta a gennaio 2012.
Ecco però che viene fuori che questi cinque anni possono anche non essere stati consecutivi! Quindi chi ha accumulato come prima esperienza parlamentare i due anni del governo Prodi dal 2006 al 2008 per poi "subire" la pausa elettorale  ora festeggia. E lo fa all'ultimo minuto utile prima del cambio di regime pensionistico...
E' il caso di Maria Stella Gelmini, Mara Carfagna, Massimo Donadi, Giorgia Meloni che hanno scoperto che non dovranno più lavorare per vivere. Meno male, eravamo in pensiero!

venerdì 24 febbraio 2012

Rompi Bersani, rompi

Bersani ha un'ottima occasione: togliersi dai piedi sacrestani e nani politici che si credono la reincarnazione di Talleyrand, con una botta sola. Siamo ad un bivio e Bersani può finalmente ridisegnare la struttura del partito quantomeno restituendogli una fisionomia “socialdemocratica”, depurandolo di tutte quelle ibridazioni contro natura che lo hanno reso una specie di partito borderline, sempre in preda a crisi di identità e all'autolesionismo. La questione dell'art 18 e della legislazione sul lavoro è una questione che può diventare dirimente. Si ridurrà al 10%, ma ne guadagnerà in salute, e in teoria unendosi con Vendola potrebbe addirittura conservare l'attuale percentuale di consenso. I "liberali" e clerici del partito si unirebbero a Casini con percentuali modeste e saremmo tutti contenti. Per quanto io sia propenso a credere che questo partito così com'è sia al di fuori di qualsiasi progetto di società e politica alternativa, c'è ancora la possibilità che Bersani rinsavisca e scommetta sul futuro. Un partito che si dica di sinistra,  erede di una tradizione egualitarista, non può in un momento storico come questo appiattirsi sul liberismo, seppure mitigato da una finta compiacenza verso la base operaia e il sindacato, ma deve al contrario calarsi dentro una visione che si proponga il suo superamento, non per ideologia, ma per una ragione storica elementare: tutti i pensieri unici, come qualsiasi costruzione artificiale dell'uomo sono destinati a crollare, è solo una questione di tempo. La differenza sta solo nell'entità del danno che possono provocare le loro macerie, ed inoltre un paradigma che si fonda sulla crescita infinita in un contesto di risorse finito, per le conseguenze che comporta, è non solo criminale, ma anche illogico e destinato al superamento, pena l'estinzione della specie umana. 
Un tempo la socialdemocrazia rappresentava il punto più alto delle mediazione fra capitale e lavoro, oggi non si tratta più nemmeno di questo, in un contesto globale post-fordista, dove il lavoro cognitivo o se si preferisce il general intellect ha sostituito le vecchie forme di organizzazione dell'organizzazione del lavoro, il problema non sta più nella “soluzione finale”, nella rivoluzione come palingenesi totale e fine della dialettica, ma sta in una diversa forma di rappresentanza della politica, in una redistribuzione delle risorse e in una riconversione in senso ecologico dell'apparato produttivo. Bersani può inserirsi in questo discorso pur con i suoi tempi e le sue “compatibilità politiche”, oppure continuare a credere che il pensiero unico in economia sia tale perché irrinunciabile e insostituibile. Se a Bersani può essere di ispirazione, persino Tremonti che in fin dei conti non è uno stupido, scommette sulla fine del liberismo, seppure non in tempi brevi, e in una nuova Bretton Woods che ridisegni in maniera radicale i rapporti fra politica, economia e finanza internazionale. Ci sono cose che bollono in pentola come la Modern Money Theory (MMT) alla quale molte persone cominciano a credere come soluzione alla crisi, un superamento del liberismo attraverso una forma di keynesismo radicale. Bersani e se davvero la soluzione fosse stampare più soldi? Insomma vuoi davvero logorarti dietro ai Monti e alle Fornero, cioè al FMI e alle grandi banche, che come dice una simpatica economista sono dei secchi bucati dentro i quali continuiamo a immettere liquidità. Senza parlare dello stress per pararti dalle imboscate dei tuoi “amici”, Veltroni, Fioroni, Franceschini, Fassino e compagnia di partito. Fregali, mettili tu con le spalle al muro, fai il  partito “benecomunista” del presidente, avrai molti amici veri e ti sentirai meglio.Vuoi davvero essere ricordato come il segretario del primo partito post-comunista delle storia che si converte al bushismo?

P.S. Stai lontano anche da D'Alema e dalla masnada di corrotti che ti vengono dietro

giovedì 23 febbraio 2012

Menzogne e Verità sulla Siria

  
di Thierry Meyssan da voltairenet

Da otto mesi, i leader occidentali e qualche media pubblico sostengono una guerra in Siria. Le accuse estremamente gravi che portano contro Assad, intimidiscono coloro che mettono in dubbio la validità di un nuovo intervento militare. Tutti? No, perché, con il sostegno del Réseau Voltaire, alcuni sono giunti a verificare, ed hanno potuto misurare l’entità della propaganda della NATO. Thierry Meyssan fa il punto sullo stato della guerra mediatica.

JPEG - 28 Kb
Formatosi a Parigi sotto l’egida della Francia, il Consiglio nazionale siriano intende rovesciare il regime del presidente Bashar al-Assad. E’ presieduto da Burhan Ghalioun, professore di sociologia presso l’Università della Sorbona (qui con Alain Juppé, 23 novembre 2011).
Nel 1999, durante la guerra del Kosovo, il Réseau Voltaire s’indignò per il fatto che la Francia potesse entrare in guerra a fianco della NATO, senza un voto dell’Assemblea Nazionale, con la complicità passiva dei presidenti dei gruppi parlamentari. Abbiamo considerato che il rifiuto del Presidente e del Primo Ministro di tenere una discussione vera, auspicasse l’opacità con cui questa guerra sarebbe stata condotta. Così abbiamo preso l’iniziativa di pubblicare un bollettino quotidiano sul conflitto. Essendo i siti web del governo serbo distrutti immediatamente dall’Alleanza Atlantica, non potemmo avere accesso alla versione serba di eventi. Altrimenti, ci abbonammo alle agenzie di stampa della regione (croata, bosniaca, greca, cipriota, turca, ungherese, ecc.). Durante il conflitto, abbiamo presentato quotidianamente una sintesi della conferenza stampa della NATO a Bruxelles, e una sintesi delle testimonianze di giornalisti dei paesi rivieraschi, paesi a volte con pesanti conflitti con la Serbia, ma i cui governi condividevano loro la stessa narrazione degli eventi. A mano a mano che il tempo passava, la versione della NATO e quella dei giornalisti locali si allontanavano, fino a non avere nulla in comune. Alla fine, si avevano due storie radicalmente differenti. Non abbiamo avuto modo di sapere chi stesse mentendo e se una delle due fonti avesse ragione. I nostri ebbero l’impressione di diventare schizofrenici, soprattutto perché i media riferivano solo la versione occidentale della NATO e, quindi, i nostri lettori non poterono confrontare le due versioni parallele che leggevamo. Abbiamo continuato questo esercizio di stile nel corso dei tre mesi di combattimenti. Quando le armi tacquero e colleghi e amici furono in grado di andare lì, videro con stupore che non c’era "propaganda da entrambi i lati." No, la versione della NATO era completamente falsa, mentre i giornalisti locali avevano del tutto ragione. Nei mesi che seguirono, le relazioni parlamentari in diversi Stati membri dell’Alleanza stabilirono i fatti. Molti libri apparvero sul metodo sviluppato dal consulente per i media di Tony Blair, che ha permesso alla NATO di manipolare tutta la stampa occidentale: lo "story telling". E’ possibile avvelenare tutti giornalisti occidentali e nascondergli i fatti, se a loro si racconta una storia per bambini, a condizione che non interrompano la narrazione, di caricarle di riferimento che risveglino emozioni distanti e di mantenerne la coerenza.
Non ho avuto il riflesso di correre in Serbia prima della guerra e non ho potuto farlo quando le armi parlavano. Al contrario, caro lettore, io sono ora in Siria, dove ho avuto il tempo di investigare e dove scrivo questo articolo. In piena consapevolezza, posso dire che la propaganda della NATO è ora in azione verso la Siria come lo era verso la Serbia.
L’Alleanza ha cominciato a raccontare una storia sconnessa dalla realtà, che mira a giustificare un "intervento militare umanitario", secondo l’ossimoro blairiano. Il parallelo finisce lì: Slobodan Milosevic è stato un criminale di guerra che si è cercato di presentare come un criminale contro l’umanità, per smembrarne il paese, Bashar al-Assad è un resistente all’imperialismo e al sionismo, che sostiene Hezbollah quando il Libano fu attaccato, e supporta Hamas e la Jihad islamica, nella loro ricerca per la liberazione della patria palestinese.

Quattro bugie della NATO

1. Secondo la NATO e i suoi alleati nel Golfo, delle manifestazioni di massa avrebbero avuto luogo per otto mesi in Siria, per chiedere maggiore libertà e la caduta del presidente Bashar al-Assad.
Non è vero. Ci sono stati, in alcune città, delle dimostrazioni contro il presidente Bashar al-Assad su chiamata di predicatori sauditi ed egiziani che parlavano su al-Jazeera, ma hanno raccolto in totale, al massimo, solo 100 000 persone. Non chiedono più libertà, ma l’istituzione di un regime islamico. Chiedevano le dimissioni del presidente al-Assad, non a causa della sua politica, ma perché questi manifestanti si rifanno a una setta sunnita, il takfirismo, e accusano Assad di essere un eretico (è alawita) usurpando il potere in un paese musulmano, che non può legittimamente essere governato che da un sunnita della loro scuola teologica. 
2. Secondo la NATO e i suoi alleati nel Golfo, il "regime" avrebbe risposto disperdendo la folla con pallottole vere, uccidendo almeno 3 500 manifestanti dall’inizio dell’anno.
Non è vero. In primo luogo, non può esservi alcune soppressione di manifestazioni inesistenti. Poi, all’inizio degli eventi, le autorità si resero conto che stavano cercando di provocare scontri settari in un paese dove la laicità è la spina dorsale dello Stato fin dall’ottavo secolo. Il presidente Bashar al-Assad, quindi, non ha permesso alle forze di sicurezza, polizia ed esercito, di usare le armi da fuoco in ogni circostanza in cui i civili potessero essere feriti. Questo serve a prevenire che feriti, o anche deceduti, di un credo particolare, fossero strumentalizzati per giustificare una guerra di religione. Tale divieto è rispettato dalle forze di sicurezza a rischio della vita, come vedremo. Per quanto riguarda i morti, non sono che meno della metà. La maggior parte non sono civili, ma soldati e poliziotti, e ho potuto vederlo visitando gli ospedali e gli obitori, civili e militari.
3. Dopo che siamo riusciti a rompere il silenzio e ad ottenere che i grandi media occidentali segnalassero la presenza in Siria, di squadroni della morte dall’estero, di imboscate contro l’esercito e di assassini ci civili nel cuore delle città, la NATO e i suoi alleati nel Golfo hanno segnalato la presenza di un esercito di disertori. Secondo essi, dei militari (ma non poliziotti) che hanno ricevuto l’ordine di sparare sulla folla, si sarebbero ribellati. Si sarebbero dati alla macchia e istituito il libero esercito siriano, già forte di 1 500 uomini.
Non è vero. I disertori sono solo poche decine, che fuggirono in Turchia dove sono sotto la supervisione di un ufficiale del clan Hakim Rifaat al-Assad/Abdel Khaddam, pubblicamente legato alla CIA. Vi sono, al contrario, sempre più ribelli, dei giovani che si rifiutano di fare il servizio militare, spesso sotto la pressione dalle loro famiglie, che per decisione personale. Infatti, i soldati che cadono in un’imboscata non hanno alcun diritto di usare le loro armi per difendersi, se dei civili sono presenti sul posto. Devono pertanto sacrificare la loro vita, se non sono in grado di fuggire.
4. Secondo la NATO e i suoi alleati nel Golfo, il ciclo rivoluzione/repressione ha dato modo di iniziare una "guerra civile". 1,5 milioni di siriani, intrappolati, soffrirebbero la fame. Si dovrebbero quindi organizzare "corridoi umanitari" per fornire aiuti alimentari e permettere ai civili che lo vogliano, di fuggire dalla zone di combattimento.
Non è vero. Dato il numero e la crudeltà degli attacchi degli squadroni della morte dall’estero, i profughi sono pochi. La Siria è autosufficiente nella produzione agricola, che non è scesa in modo significativo. Al contrario, la maggior parte degli agguati si svolgono sulle strade principali, queste sono spesso interrotte. Inoltre, quando gli attacchi si verificano nei centri delle città, i commercianti chiudono i negozi immediatamente. Ciò si traduce in gravi problemi di distribuzione, anche per il cibo. Il vero problema è altrove: le sanzioni economiche hanno causato un disastro. Mentre la Siria aveva, durante il decennio, una crescita intorno al 5% all’anno, non può più vendere il suo petrolio all’Europa occidentale, mentre l’industria del turismo è colpita. Molte persone hanno perso lavoro e reddito. Fanno risparmi su tutto. Il governo sostiene e procede alla distribuzione gratuita di olio combustibile (per il riscaldamento) e di cibo. In queste condizioni, sarebbe meglio dire che se il governo al-Assad non intervenisse, in Siria 1,5 milioni di persone soffrirebbero di malnutrizione a causa delle sanzioni occidentali.
In definitiva, mentre siamo nella fase della guerra non convenzionale, con l’invio di mercenari e di forze speciali per destabilizzare il paese, la narrazione dalla NATO e dei suoi alleati nel Golfo è già significativamente lontana dalla realtà. Questo divario si allargherà sempre più.
Per ciò che vi riguarda, caro lettore, non avere motivo di credermi più che della NATO, non essendo voi stessi sul posto. Tuttavia, disponete di diversi elementi che vi dovrebbero mettere la pulce nell’orecchio.
JPEG - 25.7 Kb
Bernard-Henry Levy, che si vanta di aver imbarcato la Francia nella guerra di Libia su interesse di Israele, ha annunciato a "Le Parisien" una lista di obiettivi.

Quattro prove accuratamente nascoste dalla NATO

1. Si potrebbe pensare che le accuse sulla presunta repressione e il numero delle vittime siano state accuratamente verificate. Niente affatto. Hanno avuto origine da una singola fonte: Osservatorio siriano dei diritti dell’uomo, con sede a Londra, i cui leader chiedono l’anonimato. Qual è il valore della gravità delle accuse, se non sono sottoposte a un controllo incrociato, e perché istituzioni come l’Alto Commissario per i Diritti Umani e le Nazioni Unite, le riprendono senza controllarle?
2. Russia e Cina hanno posto il veto a una bozza risoluzione del Consiglio di Sicurezza che apre la strada a un intervento militare internazionale. I leader politici della NATO ci dicono, ci spiace, i russi proteggono la loro base navale a Tartus e i cinesi faranno di tutto per racimolare alcuni barili di petrolio. Dovremmo accettare l’idea manichea che Washington, Londra e Parigi sono guidati da buoni sentimenti, mentre Mosca e Pechino sono essenzialmente egoisti e insensibili al martirio di un popolo? Come non notare che Russia e Cina hanno molto meno interesse nel difendere la Siria, che gli occidentali a distruggerla?
3. È alquanto strano vedere la coalizione degli stati cosiddetti benintenzionati. Come non notare che i due principali contribuenti alla Lega Araba e promotori della "democratizzazione" della Siria, Arabia Saudita e Qatar, sono dittature vassalle degli Stati Uniti e del Regno Unito? Come non chiedersi quanto l’Occidente – che ha appena distrutto in successione l’Afghanistan, l’Iraq e la Libia, uccidendo più di 1,2 milioni di persone in dieci anni, e che mostra quanto poco in conto tengano la vita umana - sia credibile quando sventola la bandiera umanitaria?
4. In particolare, per non essere manipolati sugli eventi in Siria, si dovrebbe entrare nel giusto contesto. Per la NATO ed i suoi alleati nel Golfo, i cui eserciti hanno invaso lo Yemen e il Bahrain al fine di schiacciare nel sangue le manifestazioni, la "rivoluzione siriana" è un’estensione della "primavera araba": i popoli della regione aspirano alla democrazia di mercato e al comfort della American Way of Life. Invece, per i russi e i cinesi, come i venezuelani e i sudafricani, gli eventi in Siria sono la continuazione del "rimodellamento del Medio Oriente allargato" annunciato da Washington, che ha già ucciso 1,2 milioni di morti e che chiunque si preoccupi della vita umana, dovrebbe fermare. Si ricordano che il 15 settembre 2001, il presidente George W. Bush programmò sette guerre. La preparazione di un attacco alla Siria iniziò formalmente 12 dicembre 2003, con il passaggio della Syrian Accountability Act sulla scia della caduta di Baghdad. Da allora, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama oggi, può ordinare di attaccare la Siria e non è necessario che si presenti davanti al Congresso prima di aprire il fuoco. Pertanto, la questione non è se la NATO ha trovato una giustificazione divina per andare in guerra, ma se la Siria trova una via d’uscita da questa situazione, come è stata in grado di sfuggire a tutte le accuse diffamatorie e a tutte le insidie precedenti, come l’assassinio di Rafik Hariri e il raid israeliano contro un’immaginaria centrale nucleare militare.

I media occidentali testimoniano

Alla fine di questo articolo, vorrei dirti, caro lettore, che la Rete Voltaire ha facilitato un viaggio stampa organizzato su iniziativa del Centro cattolico d’informazione dei cristiani d’Oriente, come parte dell’apertura ai media occidentali annunciata dal presidente al-Assad alla Lega araba. Abbiamo aiutato i giornalisti mainstream a viaggiare nelle zone degli scontri. I nostri colleghi hanno dapprima malvisto la nostra presenza al loro fianco, sia perché erano prevenuti verso di noi e perché pensavano che stavamo cercando di fargli il lavaggio del cervello. Successivamente, sono stati in grado di vedere che siamo persone normali e che pur scegliendo il nostro campo, non rinunciamo al nostro spirito critico. Alla fine, benché siano fermamente convinte della bontà della NATO e non condividano il nostro impegno anti-imperialista, hanno visto e sentito la verità. Onestamente, hanno riportato le azioni di bande armate che terrorizzano il Paese. Naturalmente, hanno rinunciato a contraddire apertamente la versione atlantica e hanno cercato di conciliare ciò che hanno visto e sentito con quella, e questo ha portato a volte a contorsioni intorno al concetto di ’guerra civile’ tra l’esercito siriano e i mercenari stranieri. Tuttavia, i rapporti della Radio e Televisione belga (RTBF) e de La Libre Belgique, per citarne alcuni, dimostrano che, dopo otto mesi, la NATO maschera le azioni degli squadroni della morte e che attribuisce falsamente i loro crimini alle autorità siriane.

mercoledì 22 febbraio 2012

Licenziamo le Marcegaglie

Ai tempi di mio padre il lavoro era un impegno da onorare, un imperativo categorico che incarnava lo spirito del tempo. Ci si identificava col lavoro, visto come una benedizione del cielo e allo stesso tempo come un appendice identitaria. Ti qualificavi per quello che facevi, ma anche se umile il lavoro era lavoro e andava onorato. Con il consumismo la scala dei valori è cambiata: l'importante ora è consumare, consumare fa aumentare lo scoring del tuo punteggio sociale eppoi aiuta l'economia come ti insegnano i fautori della “mano invisibile”. Ti valorizzi per quanto consumi e più becchi il mangime pubblicitario e ti conformi ai modelli televisivi più ti senti felicemente acefalo e omologato. Apparire e consumare, madre che vendono le figlie e si strapperebbero le viscere per vedere le loro figli in TV. Masse di lobotomizzati affetti da narcisismo che fanno la fila dalle varie De Filippi. Questo è il mondo virtuale, ma pur tremendamente reale, dove vive una gran parte delle persone. La Marcegaglia se la prende con gli assenteisti e i ladri difesi dall'Art 18. A parte l'ipocrisia di questa velina griffata e impaccata di soldi, che ha lucrato sul danaro pubblico insieme ai suoi accoliti, grazie alle connivenze della politica per anni, causando debito alla nazione e speculando pure sul debito, ma l'assenteismo e la disaffezione al lavoro sono in gran parte colpa di quelli come lei che hanno alimentato questo sistema di polli da allevamento, creando condizioni di lavoro di merda e ingenerando nell'animo di molte persone (la maggioranza in realtà, detto da uno che viene definito da contratto “dirigente d'azienda” è composta da brave persone che lavorano sodo), l'idea che il lavoro sia solo un contrattempo momentaneo che le separa dal tempo del consumo. L'assenteismo comunque aldilà delle considerazioni di tipo morale, è spesso e volentieri l'unico modo per tirare il fiato, per sottrarsi a lavori stressanti, per nulla gratificanti o appaganti. Chi lavora e non travaglia, lavora con piacere e non andrebbe mai in pensione. Ci si dimentica che il lavoro come mera riproduzione materiale è schiavitù, e una società evoluta dovrebbe superarlo invece che incrudelirlo inutilmente. Lo ammetto a volte l'assenteismo è espressione di un deficit di moralità e anche se non credo che il lavoro abbia un valore etico in sé, credo però che chi interiorizza il lavoro come un dovere sia migliore di chi si ingegna quotidianamente ad evitarlo.
Ad ogni modo facciamola finita, questo parlare di art 18 e di assenteismo è un falso problema, considerate le dimensioni del fenomeno, la posta in gioco reale è solo la sopravvivenza di un sistema economico che produce morte e aberrazioni della natura che una volta si chiamavano padroni e adesso si chiamano imprenditori.
Nessuno in realtà ha mai risposto a una semplice domanda: a che servono i padroni? È per loro che ci vorrebbe l'abolizione  dell'art. 18.

Zero titoli per un posto a vita all'università

 
I concorsi universitari di questi mesi sono gli ultimi con le vecchie regole. Soprattutto per i ricercatori sono gli ultimi che garantiscono il posto fisso. Ed ecco che prima all’università del Piemonte Orientale poi in quella dell’Insubria, vincono gli unici due candidati che non hanno alcuna pubblicazione vagliata da valutazione esterna. La buona notizia è che alcuni commissari non hanno votato per i vincitori. Ma non è accettabile che i ricercatori che hanno pubblicazioni sottoposte a giudizi rigorosi debbano sottostare a verdetti come quelli di Alessandria e Varese.
di Fausto Panunzi*, 21.02.2012, lavoce.info

In attesa che le nuove norme per il reclutamento dei docenti universitari, decise dall’ex-ministro Gelmini, entrino in vigore, si stanno svolgendo in questi mesi gli ultimi concorsi con le vecchie procedure. I posti da ricercatore di queste tornate concorsuali sono assai ambiti perché sono ancora per posizioni a tempo indeterminato, mentre secondo la nuova normativa i vincitori avranno contratti a tempo determinato con una valutazione finale che deciderà del loro passaggio alla tenure(cioè al posto a vita). Ma il fatto che si tratti degli ultimi concorsi con le vecchie regole non può giustificare esiti del tutto contrari a ogni elementare concetto di meritocrazia.
Prima nel Piemonte orientali…
Qualche mese fa, in un concorso per ricercatore per il settore SECS P01 Economia politica presso l’università del Piemonte Orientale, una candidata con zero pubblicazioni refereed (cioè soggette al vaglio di un valutatore) e zero citazioni (senza cioè che qualcuno avesse citato i suoi lavori) era stata dichiarata vincitrice. Anzi, per essere precisi: aveva vinto il concorso l’unica candidata con nessuna pubblicazione soggetta a valutazione esterna e nessuna citazione! (La tabella con le pubblicazioni può essere trovata qua). Tutti gli altri candidati avevano pubblicato qualcosa? Peggio per loro, aveva deciso la commissione. Poi, una petizione di un gruppo di ricercatori e dottorandi, dall’originale nome di “SECS in the cities”, appoggiata da professori con base sia in Italia che all’estero, aveva indotto il rettore del Piemonte Orientale a non firmare i verbali del concorso. Ma la soddisfazione è durata poco.
…Poi a Varese
Proprio la settimana scorsa, l’università dell’Insubria (sede di Varese) ha chiuso un concorso per ricercatore per il settore SECS P02 Politica Economica. La tabella con le pubblicazioni dei candidati la trovate qui. Il vincitore è facile da identificare: è quello che ha tutti zero nelle varie caselle. Leggendo i verbali del concorso si deduce che in realtà il vincitore ha una pubblicazione su rivista (di cui però non si riesce a trovare traccia sul web) e cinque capitoli di un unico volume collettaneo curato dal presidente del commissione giudicatrice. Tre di tali capitoli sono coautorati proprio con il presidente della commissione. Ognuno tragga le proprie valutazioni.
È bene dire che nei concorsi c’è sempre un margine di discrezionalità. Commissari diversi possono arrivare a conclusioni diverse sui meriti dei vari candidati. E gli indicatori bibliometrici non sono certo l’unico criterio da adottare nelle valutazioni comparative tra candidati. Ma i concorsi di Alessandria e Varese hanno questa peculiarità: i vincitori sono gli unici ad avere una serie di zeri negli indicatori bibliometrici, in altre parole, nelle dimensioni “oggettive”. Saranno anche dei ricercatori di talento che produrranno molto nel futuro, ma fino a oggi non ne abbiamo alcuna prova.
Nel caso dell’Insubria la situazione è peggiore di quella del Piemonte Orientale, dato che l’esito del concorso è già stato firmato dal rettore e certificato dal sito del ministero. Non so bene cosa si possa fare a questo punto concretamente. Ma due cose vanno dette. La prima è che in entrambi i casi un commissario su tre ha votato per un candidato diverso dal vincitore, mostrando che non tutti i docenti sono uguali. Non ripetiamo il solito refrain dell’università italiana senza meritocrazia, per favore. È vero spesso, purtroppo, ma non sempre. La seconda è che, come sa bene chi prova a mandare i suoi lavori alle riviste internazionali, l’attività di ricerca è per la maggior parte di noi una serie di schiaffi (sotto la forma di lavori respinti per la pubblicazione) interrotta da brevi momenti di felicità (le accettazioni). Molto più facile è la vita di chi scrive e pubblica senza sottoporsi alla disciplina della valutazione dei referee. Proprio per questo non è giusto e non è accettabile che i ricercatori che si sono impegnati e hanno pubblicato debbano sottostare a verdetti concorsuali come quelli di Alessandria e Varese da soli. Il nostro silenzio sarebbe per loro uno schiaffo in più.
*Ha conseguito il PhD presso il Massachusetts Institute of Technology. Attualmente insegna Economia Politica presso l’Università Bocconi


martedì 21 febbraio 2012

Le verginelle di Monti

Siamo tutti impazziti, il governo Monti è in termini di “razionalità economica”, peggiore di quello di Berlusconi, eppure ci accostiamo a lui con timore, come  ci si avvicina ad un cavo di alta tensione, o con l'ansia che si ha dal dentista, convinti purtuttavia che il dente cariato va da tolto, oppure con un atteggiamento da verginelle, ben espresso da un un proverbio della mia regione, tramandato da donne sagge e sboccate: “vu 'chiappà lu cazzo nghe lu sparone(leggasi strofinaccio).”
Non mi sognerò mai di fare come faceva Barnard di esclamare a Berlusconi: ”presidente resista”, considerando Berlusconi l'ultimo baluardo contro i sacerdoti del pareggio di bilancio. Eppure non so capacitarmi di come non si sia creata un'opposizione sociale che dica chiaramente che questo governo deve andarsene a casa. L'assurda metafora della nazione che come un padre di famiglia, che deve tenere i conti in ordine, sta colonizzando il subconscio degli italiani, i quali sebbene straziati da questi macellai forti con i deboli e debolissimi con i forti, sono sotto sotto convinti che a Monti non ci siano alternative. Evidentemente ne sono convinti anche quelli dell'opposizione di sinistra e non, vista l'inconsistenza e l'ambiguità del loro agire, e visto che mai una volta ha detto chiaramente “questa gente se ne deve andare, elezioni punto e basta”, ancora speranzosi che il Pd possa essere per forza di tattica e di miracoli all'italiana, ricondotto dentro un disegno di alternativa (quale di grazia?). Non ci crede più nessuno, Vendola sta svendendo un capitale enorme per andare dietro al partito dei Veltroni, dei Si-Tav e dei neoliberali redenti. Che devono fare ancora questi signori per convincervi che la loro filosofia non ha niente a che vedere con quella di un diverso mondo possibile, dove ce ne strafreghiamo delle cifre, dei conti in ordine e delle manovre che assomigliano a medicine che curano uccidendo le persone e devastando l'ambiente. Se Monti resiste forse vuol dire che non siamo neanche capaci di creare una scienza almeno dissidente rispetto a quella del pensiero unico.
Insomma Marx è morto e noi abbiamo l'Alzheimer.

E se la risposta alla crisi fosse stampare più soldi?



di Federico Rampini, da eddyburg
 


Una rivoluzione intracapitalista nel paese dove, ai piani alti, si pensa più che in Europa. La Repubblica, 21 febbraio 2012


Se il deficit non è un peccato la rivoluzione copernicana dei nuovi economisti Usa - Galbraith junior: la crisi non si cura con l´austerity 
 
NEW YORK - Le grandi crisi partoriscono grandi idee. Così fu dopo il crac del 1929 e la Depressione. Per uscirne, l´Occidente usò il pensiero di John Maynard Keynes, scoprì un ruolo nuovo per lo Stato nell´economia, inventò le politiche sociali del New Deal e la costruzione del moderno Welfare State. Oggi siamo daccapo. L´eurozona sprofonda nella sua seconda recessione in tre anni. Gli Stati Uniti malgrado la ripresa in atto pagano ancora i prezzi sociali elevatissimi della Grande Contrazione iniziata nel 2008 (almeno 15 milioni di disoccupati). Ma dall´America una nuova teoria s´impone all´attenzione. Si chiama Modern Monetary Theory, ha l´ambizione di essere la vera erede del pensiero di Keynes, adattato alle sfide del XXI secolo. Ha la certezza di poter trainare l´Occidente fuori da questa crisi. A patto che i governi si liberino di ideologie vetuste, inadeguate e distruttive. È una rivoluzione copernicana, il cui alfiere porta un cognome celebre: James K.Galbraith, docente di Public Policy all´università del Texas e consigliere "eretico" di Barack Obama. James K. Galbraith è figlio di uno dei più celebri economisti americani, quel John Kenneth Galbraith che fu grande studioso della Depressione e consulente di John Kennedy.


Il nuovo Verbo che sconvolge i dogmi degli economisti, assegna un ruolo benefico al deficit e al debito pubblico. È un attacco frontale all´ortodossia vigente. Sfida l´ideologia imperante in Europa, che i "rivoluzionari" della Modern Monetary Theory (o Mmt) considerano alla stregua di un vero oscurantismo. Quel che accade in questi giorni a Roma e Atene, l´austerity imposta dalla Germania, per i teorici della Mmt non è soltanto sbagliata nei tempi (è pro-ciclica: perché taglia potere d´acquisto nel bel mezzo di una recessione), ma è concettualmente assurda.


Un semplice esercizio mette a nudo quanto ci sia di "religioso" nella cosiddetta saggezza convenzionale degli economisti. Qualcuno ha provato a interrogare i tecnocrati del Fmi, della Commissione Ue e della Banca centrale europea, per capire da quali Tavole della Legge abbiano tratto alcuni numeri "magici". Perché il deficit pubblico nel Trattato di Maastricht non doveva superare il 3% del Pil? Perché nel nuovo patto fiscale dell´eurozona lo stesso limite è stato ridotto a 0,5% del Pil? Chi ha stabilito che il debito pubblico totale diventa insostenibile sotto una soglia del 60% oppure (a seconda delle fonti) del 120% del Pil? Quali prove empiriche stanno dietro l´imposizione di questa cabala di cifre? Le risposte dei tecnocrati sono evasive, o confuse.


La Teoria Monetaria Moderna fa a pezzi questa bardatura di vincoli calati dall´alto, la considera ciarpame ideologico. La sua affermazione più sconvolgente, ai fini pratici, è questa: non ci sono tetti razionali al deficit e al debito sostenibile da parte di uno Stato, perché le banche centrali hanno un potere illimitato di finanziare questi disavanzi stampando moneta. E non solo questo è possibile, ma soprattutto è necessario. La via della crescita, passa attraverso un rilancio di spese pubbliche in deficit, da finanziare usando la liquidità della banca centrale. Non certo alzando le tasse: non ora.


Se è così, stiamo sbagliando tutto. Proprio come il presidente americano Herbert Hoover sbagliò drammaticamente la risposta alla Grande Depressione, quando cercò di rimettere il bilancio in pareggio a colpi di tagli (stesso errore che fece Franklin Roosevelt nel 1937 con esiti nefasti). Il "nuovo Keynes" oggi non è un profeta isolato. Galbraith Jr. è solo il più celebre dei cognomi, ma la Mmt è una vera scuola di pensiero, ricca di cervelli e di think tank. Così come la destra reaganiana ebbe il suo pensatoio nell´Università di Chicago (dove regnava negli anni Settanta il Nobel dell´economia Milton Friedman), oggi l´equivalente "a sinistra" sono la University of Missouri a Kansas City, il Bard College nello Stato di New York, il Roosevelt Institute di Washington. Oltre a Galbraith Jr., tra gli esponenti più autorevoli di questa dottrina figura il "depositario" storico dell´eredità keynesiana, Lord Robert Skidelsky, grande economista inglese di origine russa nonché biografo di Keynes.


Fra gli altri teorici della Mmt ci sono Randall Wray, Stephanie Kelton, l´australiano Bill Mitchell. Non sono una corrente marginale; tra i loro "genitori" spirituali annoverano Joan Robinson e Hyman Minsky. Per quanto eterodossi, questi economisti sono riusciti a conquistarsi un accesso alla Casa Bianca. Barack Obama consultò Galbraith Jr. prima di mettere a punto la sua manovra di spesa pubblica pro-crescita, così come fece la democratica Nancy Pelosi quando era presidente della Camera. Ma la vera forza della nuova dottrina viene dai blog. The Daily Beast, New Deal 2.0, Naked Capitalism, Firedoglake, sono tra i blog che ospitano l´elaborazione del pensiero alternativo. Hanno conquistato milioni di lettori: è una conferma di quanto ci sia sete di terapie nuove, e quanto sia screditato il "pensiero unico".


La Teoria Monetaria Moderna è ben più radicale del pensiero "keynesiano di sinistra" al quale siamo abituati. Perfino due economisti noti nel mondo intero come l´ala radicale che critica Obama da sinistra, cioè i premi Nobel Paul Krugman e Joseph Stiglitz, vengono scavalcati dalla Mmt. Stephanie Kelton, la più giovane nella squadra, ha battezzato una nuova metafora… ornitologica. Da una parte ci sono i "falchi" del deficit: come Angela Merkel, le tecnocrazie (Fmi, Ue), e tutti quegli economisti schierati a destra con il partito repubblicano negli Stati Uniti, decisi a ridurre ferocemente le spese. Per loro vale la falsa equivalenza tra il bilancio di uno Stato e quello di una famiglia, che non deve vivere al di sopra dei propri mezzi: un paragone che non regge, una vera assurdità dalle conseguenze tragiche secondo la Mmt. Poi ci sono le "colombe" del deficit, i keynesiani come Krugman e Stiglitz. Questi ultimi contestano l´austerity perché la giudicano intempestiva (i tagli provocano recessione, la recessione peggiora i debiti), però hanno un punto in comune con i "falchi": anche loro pensano che a lungo andare il debito crea inflazione, soprattutto se finanziato stampando moneta, e quindi andrà ridotto appena possibile. Il terzo protagonista sono i "gufi" del deficit. Negli Stati Uniti come nell´antica Grecia il gufo è sinonimo di saggezza. I "gufi", la nuova scuola della Mmt, ritengono che il pericolo dell´inflazione sia inesistente. Secondo Galbraith Jr. «l´inflazione è un pericolo vero solo quando ci si avvicina al pieno impiego, e una situazione del genere si verificò in modo generalizzato nella prima guerra mondiale». Di certo non oggi.


Il deficit pubblico nello scenario odierno è soltanto benefico, a condizione che venga finanziato dalle banche centrali: comprando senza limiti i titoli di Stato emessi dai rispettivi governi. Ben più di quanto hanno iniziato a fare Ben Bernanke (Fed) e Mario Draghi (Bce), questa leva monetaria va usata in modo innovativo, spregiudicato: l´esatto contrario di quanto sta avvenendo in Europa.

Siamo il frutto del caso. Il non senso dell'evoluzione umana

Il non-senso dell'evoluzione umana è un dato scientifico accertato

Pubblichiamo come regalo ai lettori del sito il saggio di Telmo Pievani che apre il nuovo Almanacco della Scienza di MicroMega, ancora in edicola e libreria fino a metà marzo.

Se ne facciano una ragione i sostenitori di Disegni più o meno intelligenti: le evidenze scientifiche confermano ogni giorno di più che a condizionare l’evoluzione di Homo sapiens è stata la casuale combinazione di fattori del tutto contingenti ed ‘esterni’, in particolare eventi climatici e fattori geografici. Sarebbe ora di accogliere l’estrema perifericità della condizione umana nella sua tragica bellezza.

di Telmo Pievani, da MicroMega 1/2012, Almanacco della Scienza
 

Gli articoli che seguono, scritti da alcuni fra i maggiori esperti a livello internazionale, descrivono nuove scoperte scientifiche il cui significato culturale e filosofico non può essere sottovalutato. Si tratta infatti del compimento di una revisione radicale dell’immagine dell’evoluzione umana. Caduto definitivamente il paradigma unilineare che interpretava la nostra storia naturale come una carrellata di stadi di progresso, l’intricato diagramma delle specie ominine che a ritroso collega l’ultimo ramoscello sopravvissuto oggi, cioè Homo sapiens, con l’antenato comune fra noi umani e gli scimpanzé – vissuto in Africa intorno a 6 milioni di anni fa – è composto al momento da almeno venti specie differenti, ciascuna con una propria unicità tassonomica e con un peculiare mosaico di caratteristiche adattative. Non una marcia di avvicinamento all’umanità moderna, dunque, ma un’esuberante esplorazione di possibilità.

Da quando i primi ominini sperimentano soluzioni alternative per sopravvivere in spazi sempre più aperti, a quando intorno a due milioni di anni fa troviamo in Africa una pletora di specie appartenenti addirittura a tre generi diversi (le australopitecine gracili più recenti come Australopithecus sediba, le prime forme del genere Homo e i parantropi robusti), fino a quando in tempi recentissimi, ancora 50 mila anni fa, in Africa ed Eurasia convivono ben cinque forme umane contemporaneamente, la coabitazione di specie diverse è stata la norma. Non siamo mai stati soli, tranne che nelle ultime, poche migliaia di anni.

Ma ora c’è dell’altro. Ciò che accomuna molti degli articoli è la consapevolezza, emersa prepotentemente negli ultimi mesi e anni nella comunità scientifica, del ruolo chiave che hanno giocato le variazioni climatiche e i fattori ecologici su larga scala nel condizionare e letteralmente nel plasmare l’evoluzione umana. L’attenzione era stata rivolta principalmente alle mutazioni genetiche considerate cruciali e ai grandi adattamenti funzionali che ci hanno reso umani (bipedismo, tecnologie litiche, crescita del cervello), e troppo poco sui parametri ambientali contingenti che hanno reso così variegato e imprevedibile l’andamento dell’albero cespuglioso degli ominini. Oggi ci accorgiamo che il potere delle circostanze è stato dominante nella nostra storia naturale e che quindi i fattori primari che ci hanno condotti fin qui furono talvolta indipendenti dalla maggiore efficienza o dalla presunta «superiorità» intrinseca dei «vincitori».

Le scimmie della Rift Valley
Pensiamo al bipedismo, l’innovazione che inizialmente ha separato i primi rappresentanti della nostra famiglia di strani primati di grossa taglia. L’immagine dei nostri antenati che gloriosamente «si alzano in piedi» non ha più alcun senso. Le numerose specie iniziali hanno avuto posture e movimenti differenti, che possiamo rilevare dall’anatomia degli scheletri fossili e dalla forma delle loro articolazioni. Uno dei protagonisti di questi studi, il paleoantropologo Tim White, del quale pubblichiamo qui un contributo, scrisse tempo fa che la diversità delle camminate ancestrali (compresa quella della specie Ardipithecus ramidus da lui scoperta) era così piena di stranezze che, a immaginarla, gli sembrava di essere nel bar intergalattico di Guerre stellari.

Gli scimpanzé percorrono anche lunghi tratti sugli arti inferiori, quando occasionalmente devono trasportare cibo e oggetti, ma le ragioni adattative iniziali dell’essere bipedi andarono oltre il vantaggio offerto dalla liberazione delle mani. L’abbandono dell’andatura quadrupede comporta infatti una riorganizzazione costosa di tutta l’anatomia: rende più instabili, porta ad esporre gli organi vitali, restringe il canale del parto nelle femmine ed è più difficile da apprendere per i cuccioli. Ancora oggi, il nostro corpo non è completamente idoneo alla postura eretta: chi soffre di ernia del disco, di mal di schiena e di logorio delle articolazioni ne sa qualcosa. L’unicità e la sub-ottimalità sono i marchi di fabbrica della nostra evoluzione, non certo la perfezione.

Dobbiamo dunque supporre che la selezione naturale – cieco meccanismo che non vede nel futuro – abbia favorito tale cambiamento a causa di un suo vantaggio sostanziale e immediato. Se siete scimmie antropomorfe africane obbligate a sempre più frequenti spostamenti in radure aperte e infuocate, ridurre la superficie corporea esposta al sole può essere un’ottima idea, qui e ora, così come ergersi in allerta sopra le distese erbose (essendo stati noi prede, e non predatori, per lungo tempo). A partire da circa dieci milioni di anni fa, infatti, la formazione di una barriera geologica lunga seimila chilometri, la Great Rift Valley, ostacolando le perturbazioni atlantiche portò a un progressivo inaridimento dei territori più orientali del continente africano, frammentando la foresta pluviale e poi sostituendola con praterie e savane, cioè spazi aperti attraenti e rischiosi. Qui cominciò la nostra carriera di bipedi.

La locomozione bipede ha avuto poi imprevedibili effetti collaterali che hanno cambiato il corso della nostra evoluzione. Alle scimmie della Rift Valley il bipedismo ha regalato doni preziosi come la corsa sulle lunghe distanze e l’uso libero delle mani. Senza contare che un bipede, all’occorrenza, può comunque nuotare o arrampicarsi su un albero, come sicuramente faceva ancora l’Ardipithecus ramidus annunciato nel 2009 da Tim White. Al costo di qualche acciacco lombare, magari, ma ne è valsa la pena, perché il nostro successo come esploratori planetari trova le sue radici in questa rivoluzione anatomica incompiuta e nei suoi effetti, in ultimo, culturali. E non sarebbe successo alcunché senza la Rift Valley. Dunque, a meno di non ravvisare nella tettonica a placche un disegno intelligente (come qualcuno, scommettiamo, non mancherà di fare), fu questa circostanza geologica esterna a innescare il processo su larga scala che portò all’evoluzione indipendente degli ominini.

Contingenza storica e geografica
Facciamo ora un salto a tempi più recenti. Subito dopo il giro di boa dei due milioni di anni fa, inizia un processo di espansione ramificata che gli evoluzionisti chiamano «radiazione adattativa». In un lasso di tempo che abbraccia decine e centinaia di migliaia di anni, i primi rappresentanti del genere Homo, partiti da una vallata del Corno d’Africa, seguendo coste e vallate fertili si affacciano in Medio Oriente e poi si diramano fino al Pacifico da una parte e all’Europa occidentale dall’altra. Sarà solo la prima di molte diaspore. Come in ogni cambiamento nella distribuzione di animali e di piante nella geografia terrestre, mari, oceani, catene montuose, deserti e ghiacciai diventarono ostacoli da aggirare, barriere che spesso creavano passaggi obbligati nei crocevia del popolamento.

Le contingenze ambientali hanno avuto un ruolo cruciale in tutti i passaggi significativi della storia umana più antica. La conformazione delle terre emerse, le eruzioni vulcaniche, l’instabilità ecologica, le modificazioni del clima, le frammentazioni di habitat – fattori indipendenti dai meriti adattativi di questo o quel ramoscello del nostro albero di famiglia – hanno condizionato gli eventi, come peraltro succede a tutte le specie e come è normale che sia giacché viviamo su un pianeta attivo e imprevedibile.

Dunque dobbiamo la nostra locomozione e molto della nostra dieta al diradarsi della foresta ombreggiata a est della Rift Valley, ma l’influsso delle circostanze si è manifestato anche successivamente: tutte le vicende di rilievo del nostro genere si svolsero nell’instabilità delle oscillazioni climatiche del Pleistocene, con periodi glaciali e interglaciali, innalzamenti e abbassamenti dei livelli dei mari, andirivieni di barriere geografiche, isole che diventavano penisole e viceversa, terre bloccate dai ghiacci, fasce di vegetazione che cambiavano latitudine insieme alle faune di erbivori e carnivori, che noi inseguivamo essendo cacciatori opportunisti (avendo cioè la disgustosa ma redditizia abitudine di approfittare delle carcasse predate da altri).

Gli spostamenti delle popolazioni di Homo dentro e fuori dall’Africa dipesero, in particolare, dall’alternanza di fasi secche e di fasi umide nel Sahara e nel Sahel: quando questi territori erano distese verdi e fertili percorse da corsi d’acqua attiravano gli ominini da sud e da est, mentre nelle fasi di desertificazione li respingevano in tutte le direzioni, anche verso nord e nord-est, creando così un peculiare effetto di pompaggio e di espulsione fuori dall’Africa. Questa dinamica ecologica avrebbe prodotto le molteplici uscite dall’Africa che hanno disseminato specie diverse del genere Homo in tutta l’Eurasia.

L’oscillazione ecologica sahariana è a sua volta dipesa da mutamenti climatici prodotti dai cambiamenti di intensità nel sistema delle correnti oceaniche atlantiche, in particolare dopo la chiusura dell’istmo di Panama. Insomma, siamo figli a tutti gli effetti della dinamica geofisica globale del pianeta Terra. Una coalizione di fattori geologici e climatici a catena, con remote implicazioni connesse all’orbita e alla rotazione della Terra su se stessa, ha concesso la nostra comparsa durante un lungo inverno africano. Altrimenti non saremmo qui, in questo momento, a parlarne. Furono dunque contingenze storiche, cioè singoli eventi dirimenti e imprevedibili a priori, e contingenze geografiche, cioè separazioni di popolazioni dovute a circostanze accidentali prodotte sul territorio dai cicli climatici terrestri, a plasmare ciò che soltanto con molta fantasia possiamo continuare a concepire come un’ascesa inevitabile.

Homo sapiens, il sopravvissuto
Potremmo però insistere nell’ostinazione finalistica, accarezzata dai teologi di successo in missione consolatoria, e ipotizzare che almeno Homo sapiens, solo lui, faccia eccezione. Niente di più improbabile. Ottomila generazioni fa (circa 200 mila anni fa) compaiono i primi Homo sapiens in Africa subsahariana, in una fase di ulteriore inaridimento in concomitanza con la penultima glaciazione quaternaria. È una popolazione circoscritta, che porta novità salienti sia nell’anatomia slanciata e nella capacità cranica, sia soprattutto nell’espressione dei geni che regolano i tempi dello sviluppo. Il prolungamento delle fasi di crescita, che durano di più che in tutte le altre forme di Homo, è stato forse il nostro segreto più importante, perché ha influito sull’espansione e sulla riorganizzazione del cervello, sulle capacità di apprendimento, sull’organizzazione sociale e sul linguaggio. Siamo la specie ominina che resta immatura e giovane più a lungo.

Da una zona forse vicina al sito eritreo di Abdur, dove la presenza di Homo sapiens è attestata 125 mila anni fa, iniziano le dispersioni multiple della nostra specie fuori dall’Africa, seguendo spesso gli stessi tracciati delle precedenti diaspore. Le espansioni di Homo sapiens hanno lasciato una traccia genetica flebile ma significativa. I quasi sette miliardi di esseri umani che abitano oggi il pianeta presentano una variazione genetica molto ridotta e proporzionalmente più bassa mano a mano che ci si allontana geograficamente dal continente africano. Questo dato suggerisce che l’intera popolazione umana sia discesa da un piccolo gruppo iniziale, che conteneva gli antenati di tutti noi e che si stima non superasse le poche migliaia di individui.

Poi questa popolazione pioniera originaria è cresciuta e si è diffusa, irradiando di volta in volta nuovi gruppi fondatori di piccole dimensioni, i quali a partire da 60-50 mila anni fa hanno rapidamente colonizzato prima il Vecchio Mondo e poi per la prima volta anche l’Australia (già 50 mila anni fa, attraversando un braccio di mare) e le Americhe (passando per il continente ora sommerso della Beringia). All’arrivo dei primi Homo sapiens, l’Eurasia era già abitata da altre specie umane, derivanti dalle precedenti ondate di espansione, come Homo neanderthalensis (estinto a Gibilterra intorno a 28 mila anni fa) e il piccolo Homo floresiensis (estinto sull’isola di Flores in Indonesia intorno a 15-12 mila anni fa). Siamo insomma una specie africana geneticamente omogenea e giovane, che fino a poche migliaia di anni fa ha convissuto con altre forme umane. Mentre tutto ciò accadeva, le contingenze ambientali continuarono a deviare, più volte, la traiettoria della storia. Alcuni dati molecolari attestano un calo della popolazione di Homo sapiens intorno a 70-75 mila anni fa, in concomitanza con il crollo delle temperature globali dovuto all’«inverno vulcanico» provocato dalla catastrofica eruzione del Toba, sull’isola di Sumatra: centinaia di chilometri cubi di magma eruttato, con l’immissione in atmosfera (verso l’Oceano Indiano) di 800 chilometri cubi di cenere.

Fu un disastro ecologico globale, in seguito al quale noi ci saremmo infilati in quello che gli esperti chiamano un «collo di bottiglia» evoluzionistico: una drastica riduzione della popolazione, al limite della scomparsa, e poi una ripartenza dai pochi sopravvissuti al cataclisma. La variazione genetica ridotta degli esseri umani attuali porta a pensare quindi che non solo il gruppo fondatore iniziale sia stato piuttosto piccolo, ma che in seguito la popolazione umana abbia attraversato drammatiche riduzioni a causa di crisi ambientali. Altri studiosi pensano che il (o un) collo di bottiglia si sia verificato già prima, in Africa, nel lungo periodo glaciale che va da 190 a 123 mila anni fa. Per il gioco dei venti e delle precipitazioni, le glaciazioni portano infatti aridità in Africa e forse gli sparuti Homo sapiens rimasti hanno trovato rifugio alla desertificazione nelle confortevoli coste meridionali della regione del Capo, in Sudafrica, all’estremità meridionale della Rift Valley. Qualunque cosa sia successa, i dati molecolari confermano che in almeno una fase della nostra storia evolutiva ci siamo ritrovati davvero in pochi, sull’orlo dell’estinzione, e che ce l’abbiamo fatta per il rotto della cuffia.

Che ironia, se fosse andata diversamente: ora non ci sarebbe una specie umana autoproclamatasi «sapiens» e convinta di essere l’apice dell’evoluzione, il tronfio prodotto di una grande attesa finalistica. Nelle Operette morali, Giacomo Leopardi immagina il dialogo post-apocalittico tra uno gnomo e un folletto. Lo gnomo commenta: «Ben avrei caro che uno o due di quella ciurmaglia risuscitasse, e sapere quello che penserebbero vedendo che le altre cose, benché sia dileguato il genere umano, ancora durano e procedono come prima, dove essi credevano che tutto il mondo fosse fatto e mantenuto per loro soli».

Nuove domande appassionanti, e dibattiti da archiviare

Nell’anno in cui sentiremo ogni tipo di stupidaggine superstiziosa sulla fine del mondo, ben pubblicizzata in prima serata, è importante ricordare che l’apocalisse (degli altri) c’è già stata più volte, e che noi non saremmo qui senza la fine del mondo degli altri. Il ruolo dei fattori ecologici contingenti si è manifestato infatti anche molto prima che iniziasse la nostra storia di ominini. La quinta fra le maggiori estinzioni di massa del passato (fra Cretaceo e Terziario, 65 milioni di anni fa) liberò le nicchie ecologiche indispensabili per la successiva diversificazione dei mammiferi, primati compresi. Ma i dinosauri stessi, vittime per la quasi totalità dell’asteroide, dovevano una parte delle loro fortune pregresse a non meno catastrofiche estinzioni di massa più remote, come quella alla fine del Triassico, 200 milioni di anni fa circa, che si era portata via i loro maggiori competitori, i crurotarsi. Alla fine del Permiano, 51 milioni di anni prima, un’altra colossale estinzione di massa provocata da enormi eruzioni vulcaniche aveva spazzato via il 90 per cento degli organismi marini e il 70 per cento di quelli terrestri. Un’ecatombe micidiale, a suo modo «democratica», un’improvvisa potatura radicale dell’albero della vita che ha risparmiato soltanto un decimo dei rametti. Secondo uno dei massimi esperti in materia, il paleontologo Michael J. Benton, quella volta c’è mancato poco che la vita scomparisse del tutto. Senza quell’asteroide e senza quei fiumi di basalto fuso, la storia della vita avrebbe preso tutt’altra direzione.

È importante sottolineare che queste evidenze si basano su un raffinamento eccezionale delle metodologie di datazione e di indagine, resosi possibile solo negli ultimi anni. Come notano diversi autori dei saggi qui presentati, oggi esistono tecniche di studio e di misurazione dell’antichità dei reperti, da usare sempre in combinazione le une con le altre, che non hanno precedenti nella storia della disciplina. Datazioni relative e assolute – di tipo archeologico, di tipo geologico e ottenute attraverso nuove tecnologie di fisica nucleare applicate alla geocronologia – si uniscono alle comparazioni morfologiche e ai sempre più abbondanti dati provenienti dalle analisi genetiche. Non era mai successo che si potesse estrarre il dna antico da fossili di decine di migliaia di anni fa, o che una tomografia potesse sezionare denti e ossa scovando dettagli infinitesimali mai osservati prima. Ne risulta un quadro coerente di prove convergenti che non è mai stato così robusto, unitamente a modelli di ricostruzione delle parentele evolutive sempre più precisi. Chi si compiace di non riconoscere ancora alla biologia evoluzionistica, e all’evoluzione umana in particolare, uno statuto di scientificità più che invidiabile dimostra di non essere al corrente di quanto sta avvenendo sul campo.

La cautela metodologica invocata da alcuni autori qui, come Bernard Wood e Lee Berger, nell’inferire con troppa sicurezza rapporti di discendenza o nel sostenere di aver trovato «l’antenato comune» fondamentale (o ancor peggio l’«anello mancante»), è dovuta proprio all’inedita articolazione del quadro empirico emerso in questi anni e alla valanga di nuove informazioni in attesa di una corretta interpretazione. Non è dunque un segno di debolezza o di incertezza come taluni vorrebbero far intendere, ma al contrario di accresciuta solidità scientifica. Se ne facciano una ragione i negazionisti imperterriti, i perplessi d’ordinanza, quelli ancora ossessionati dagli «errori di Darwin», e chi masticando un po’ di falsificazionismo si è fatto l’idea che la scienza non possa mai raggiungere un consenso generale attorno a evidenze corroborate oltre ogni ragionevole dubbio.

A proposito: che fine hanno fatto quelli che un paio di anni fa sostenevano che gli umani avevano cavalcato in groppa ai dinosauri, che il Grand Canyon si era formato a causa del diluvio universale, che il darwinismo era morto e che non si sono mai trovati gli anelli mancanti dell’evoluzione? Sembravano così convinti e agguerriti. Eppure non è uscito un solo articolo scientifico degno di questo nome a conferma di simili idiozie, non un solo accenno di dibattito nelle sedi qualificate, nessun intervento accettato nei convegni internazionali della comunità scientifica di riferimento, e chiaramente nessuna novità empirica a sostegno di quelle scempiaggini. Nulla di nulla, ovviamente. Fiato e inchiostro sprecati, mentre gli scienziati facevano scoperte formidabili sull’albero di discendenza delle molteplici specie umane. Il richiamo alla «libertà di espressione» nel caso dell’antievoluzionismo è semplicemente ridicolo.

Allo stesso modo, quando all’interno di una cornice scientifica coerente si sviluppano confronti tra ipotesi diverse è segno che una disciplina è in salute e in rapido avanzamento, non certo in crisi. Oggi infatti non abbiamo soltanto inedite risposte a vecchi quesiti – come nel caso dell’affascinante scenario qui proposto da Giorgio Manzi e Fabio Di Vincenzo per spiegare l’evoluzione del linguaggio – ma anche e soprattutto nuove domande, che fino a qualche anno fa sarebbero state impensabili. E ciò dovrebbe seppellire ogni altro dibattito di retroguardia, noiosamente privo di qualsiasi interesse. Chiediamoci invece perché siamo rimasti l’unica forma umana sul pianeta, e perché così di recente. Che fine hanno fatto tutti gli altri? Li abbiamo estinti noi oppure ancora una volta siccità e glaciazioni hanno fatto la loro parte? Come è stata la convivenza con altri umani, i cui pensieri e le cui emozioni – ci racconta Juan Luis Arsuaga – sono oggi perduti per sempre come lacrime nella pioggia? Quali abitudini avevano, come vedevano il mondo, come comunicavano?

E ancora, esiste una connessione causale tra il fatto che siamo rimasti soli e lo svolgersi delle successive espansioni di Homo sapiens, con il contemporaneo sviluppo dell’intelligenza simbolica e il completamento del tratto vocale che permette il linguaggio articolato, come suggeriscono qui Philip Lieberman e Robert McCarthy? Il legame tra la nostra creatività mentale di specie parlante e l’estinzione di tutti gli altri sembra paradossale, ma illumina quella che da sempre è stata la radicale ambivalenza del comportamento umano. L’«ondata finale» della nostra specie – come ipotizzano Zenobia Jacobs e Richard G. Roberts – è forse legata agli episodi di contrazione e di espansione demografica riscontrati in Africa intorno a 60-80 mila anni fa, e dunque anch’essa sarebbe riconducibile in ultima analisi al modo in cui fattori geografici e climatici hanno inciso sulla sopravvivenza di piccoli gruppi umani. In tal caso persino la nascita della mente umana moderna in Homo sapiens sarebbe il frutto di molteplici esplosioni «punteggiate» di innovazione culturale in popolazioni umane distinte, sballottate in Africa da eventi ecologici su larga scala. Un’altra storia di ghiacci, di mari, di deserti, di correnti oceaniche e atmosferiche.

Il tempo e il caso raggiungono tutti

Fin qui le domande scientifiche, che richiedono risposte sperimentali e nuovi modelli. Ma esistono anche grandi domande filosofiche che diventano ineludibili. Come cambia la nostra visione del «posto dell’uomo nella natura», interrogativo che Thomas H. Huxley si poneva nel 1863 avendo a disposizione nemmeno un millesimo delle conoscenze paleoantropologiche di oggi? La radicale contingenza storica e geografica dell’evoluzione umana, lungi dal consegnarci a un’insensatezza nichilistica, ci restituisce al contrario un rinfrancante e concreto senso di appartenenza alle dinamiche fisiche ed ecologiche di un pianeta attivo, che proprio in virtù della sua instabilità ha posto le condizioni per la nostra comparsa. La gratitudine per questa possibilità è pari alla consapevolezza della finitudine e della fragilità del nostro destino, il che non può che portarci a un atteggiamento di umiltà nei confronti di un sistema naturale che conosciamo solo in parte e che ciò nonostante abbiamo già devastato. Anziché estrarre forzatamente dalla natura appelli morali e leggi di comportamento, potremmo onorare la nostra specificità di creatori di norme morali per condividere un maggiore rispetto verso le generazioni a venire.

Contingenza significa leggere in modo nuovo il significato evolutivo delle diversità umane, antiche e presenti, e insieme la profonda unità storica dell’umanità, come propongono nei loro articoli qui David Abulafia e Marco Aime. Contingenza significa anche accettare l’idea che non esistano valori «assoluti» in termini evolutivi (l’intelligenza? la complessità? la socialità?), bensì sviluppi relativi di singole specie, ciascuna unica a suo modo, in un contesto di pluralità, fino a tempi recentissimi. È questo pluralismo relativistico che permette di avvicinarsi davvero alla comprensione di che cosa possa aver significato l’esistenza di forme umane «diversamente sapiens», come propone Arsuaga nella sua ricostruzione «dal punto di vista dei Neandertal». Archiviamo dunque la vana ricerca degli elementi di superiorità o di eccezionalità di Homo sapiens, o come si suole dire il suo «salto ontologico», e concentriamoci sui fattori di unicità e di novità che in un contesto di continuità naturale e di contingenza ci hanno reso umani a modo nostro.

La posta in gioco è alta, perché si tratta di una normalizzazione naturalistica in campo umano: cadono le grandi eccezioni dell’evoluzionismo antropologico, in primis la linearità del progresso, mentre i presunti misteri inavvicinabili, come l’evoluzione del linguaggio e della mente, sono sempre più cinti d’assedio da indizi empirici rilevanti. In aggiunta, il fatto interessante è che questa normalizzazione non sembra per nulla riconducibile a un’impresa «riduzionista», come spesso si paventa. Semmai il contrario.

È proprio dai nuovi studi sull’evoluzione umana che si evince l’impossibilità di ridurre la spiegazione a un solo livello prioritario (per esempio genetico, o anche generalmente biologico) dal quale estrapolare poi tutto il resto. Per capire la storia naturale umana occorre oggi fare interagire strati differenti di analisi, laddove i livelli di organizzazione più alti presentano proprietà autonome e non deducibili interamente dai livelli più bassi, per quanto esse restino ancora interamente naturali. Bisogna far convergere per la prima volta schemi provenienti dalla paleo-climatologia, dall’ecologia, dalla geologia, dalla paleontologia, dalla genetica, dall’anatomia comparata, dall’archeologia, dalla linguistica, dall’evoluzione culturale, e da molte altre competenze nelle scienze naturali e nelle scienze umane. E così si capisce che chi agita lo spauracchio del «riduzionismo» ha semplicemente il problema di giustificare l’inserimento del sovrannaturale dove non ve n’è alcun bisogno.

L’estrema perifericità della condizione umana, sul terzo pianeta di un sistema solare ai margini di una galassia come tante, va accolta nella sua tragica bellezza. È un’occasione di emancipazione: dalle ingannevoli consolazioni finalistiche, e soprattutto dagli officianti di tutte le Chiese che pretendono di addomesticare la storia per giustificare il presente. Anche in quel 21 dicembre 2012 e nella sbiadita attesa millenaristica del suo esito si nasconde il rifiuto psicologico dell’idea che il cosmo non abbia alcun senso né alcuna direzione o escatologia, e che «noi umani» – come scriveva Stephen J. Gould, scomparso dieci anni fa – «abitiamo questo pianeta senza una ragione specifica né uno scopo stabilito dalla natura». I figli dell’asteroide e della Rift Valley sono restii a convincersi, come invece lo era nel IV o III secolo a.C. l’ignoto estensore del Qohelet (9,11), che sotto il sole «il tempo e il caso raggiungono tutti». Nessuno ha saputo dirlo meglio di Leopardi nelle Operette morali, in quel «Dialogo della natura e di un islandese» in cui la prima, matrigna e indifferente, apostrofa il secondo: «Immaginavi tu forse che il mondo fosse fatto per causa vostra? […] se anche mi avvenisse di estinguere tutta la vostra specie, io non me ne avvedrei».