Elenco blog personale

domenica 3 luglio 2011

Manganellatori democratici 4

di Nicodemo

Tutti a fare a gara a schierarsi con i poliziotti, anche in questo caso, dimentichi di Genova e delle tante altre situazioni in cui la polizia è stata usata come oggetto contundente da scagliare contro cittadini riottosi, il cui unico potere sta nell'eco delle proprie voci e nelle forza delle proprie ragioni.
Tutta questa gentaglia non ha il coraggio né il carisma per criticare non già un'istituzione, ma i comportamenti dell'istituzione stessa asservita ad un esecutivo criminale. I Casini, i Bersani e i vari altri personaggi di questa teatrino di burattini della politica italiana che strepitano e si agitano rimanendo imbrigliati negli stesi fili che li sorreggono e li comandano, non entrano nel merito dei fatti, loro esprimono pareri e prendono posizione a prescindere, il luogo comune dei poliziotti sempre buoni e dei manifestanti violenti è il loro mantra. Non gli interessano le argomentazioni dei NO TAV, come non gli interessano quelle dei pastori sardi, degli operai di Pomigliano, dei terremotati dell'Aquila, dei ragazzi di Genova. A loro interessa solo la scienza del potere, i particolari sono una perdita di tempo e una complicazione inutile. Se qualcuno che protesta fa solo mostra di proteggersi il capo e di reagire alla botte, è un terrorista. Punto. Questo esige il cliché che hanno stampato in mente e questo deve essere detto. Quello che conta è la retorica del potere, l'unico lasciapassare che ti permette di entrare nella stanza dei bottoni. La ricerca della verità o del giusto è un esercizio che da sempre nella storia appartiene a quelli che perdono, agli illusi e a coloro che pretendono di raddrizzare le cose e di far valere il diritto, fossero eretici mandati al rogo o operai presi a mitragliate dagli sgherri del padrone. Questi figuri che non si sognano neanche di comportarsi come  degli statisti, prendendo atto di uno conflitto stridente all'interno del corpo sociale e traendone le dovute conseguenze. Non si avvedono minimamente della divaricazione che si sta creando all'interno della società fra cittadino e cittadino, dell'approfondimento del solco fra chi ha già tanto e chi ha una vita precaria. Non capiscono nemmeno che il conflitto che inevitabilmente si approfondirà li seppellirà tutti. Miopi e stolti.
Chiaro, questi signori vogliono la TAV per loro convenienza personale e politica, ma questa è solo l'aspetto più superficiale del problema: quello che sta maggiormente a cuore a questa gente è accreditarsi come veri conservatori, di quelli che si rendono garanti della conservazione dello stato di cose presenti e per questo meritevoli di entrare a testa alta nel salotto buono.
La critica e il discernimento appartengono agli sfigati che ancora non hanno capito che tanto è tutta una finta: la politica, l'economia, la giustizia. Quello che conta è mettere il culo al caldo su una bella poltrona.
Non cadremo nella trappola che ci hanno teso: non diremo voi ci avete costretto alla violenza e violenza avrete. Se sceglieremo di difenderci e di prendervi a forconate tutti, sarà una nostra scelta e saremo in tanti a farla, ma attenti ci prudono davvero le mani, potremmo togliervi la poltrona da sotto al culo.